martedì 27 aprile 2010

Apoteosi al pistacchio


Quando aspettavo il mio primo pulcino, ma ancora non sapevo di essere incinta ;) mi misero davanti al naso per la prima volta la torta di pistacchi e…. ragazzi che figura smile_embaressed!! Non riuscivo a smettere di mangiare, una fetta dietro l’altra me ne sono fatta fuori mezza…. chi ha mangiato la torta di pistacchi sa che tutto ciò non è normale, il pistacchio è caloricissimo almeno quanto è buonissimo, ma quando sono incinta io mangio come 12 camionisti, sono incontenibile, irrefrenabile, anzi mi accorgo d’essere incinta proprio perché sento questa fame “atavica”! Da allora ho giurato eterno amore a questo dolce meraviglioso della mia terra e perciò avendo provato varie ricette, vi posto quella che ci è piaciuta di più…. l’uomo del silenzio l’ha definita “perfetta”, ma vi avverto, solo un amante vero del pistacchio può gradirla,  qualcuno dice che non puoi mangiarla  dopo pranzo semmai al posto del pranzo…;) Il pistacchio è rigorosamente di Bronte, la ricetta?
eccola:
  • 5 uova da 60gr.
  • 150gr. di zucchero
  • 250 gr. di farina di pistacchi
  • 200 gr. di granella di pistacchi
  • pistacchi sgusciati interi (facoltativo)
  • 125 gr. di olio di semi di girasole
  • 1 cucchiaio colmo di maizena
  • 1 bicchierino di rum
  • chiodi di garofano pestati mezzo cucchiaino
  • cannella grattugiata al momento (se si vuole)
  • 1 vasetto di crema di pistacchio (o nutella)
  • 1 bustina di lievito
Ho montato i tuorli con lo zucchero a lungo, poi ho aggiunto in quest’ordine, un pochino di farina di pistacchio (ottenuta tritando finemente con il bimby 250 grammi di pistacchi sgusciati) miscelata con la maizena e il lievito, un pochino d’olio, gli aromi, un altro pochino di farina e così via, fino a finire gli ingredienti. Ho unito a questo composto gli albumi montati a neve fermissima e a questo punto ho infornato a 160° per un ora circa. Nel frattempo scaldo a bagnomaria il vasetto di crema di pistacchi, a Catania è diffusa l'abitudine di usare la nutella. Una volta raffreddata ho sfornato la torta, l’ho tagliata a metà e velata con uno strato di nutella di pistacchio (o nutella), l’ho richiusa e velato ancora interamente tutta la superficie della torta, a questo punto ho ricoperto con granella di pistacchio (sempre fatta con il bimby) e decorato con i pistacchi sgusciati.
Nella foto vedete quella che ho preparato sabato scorso, essendo in tanti ho usato doppia dose di tutto.
A presto.

7 commenti:

  1. ammazza!!te la copio subito io adoro come tutti i catanesi d.o.c. il pistacchio io faccio una torta simile ,ma non ho mai pensata di decorarla cosi...quaasi quasi ti rubo la decorazione...ahahaah e la prossima volta vengo anche io alla tua ''scampagnata''se rifai questa torta,bada pero' non sono incinta..ma per natura mangio sempre di gusto...scherzo tranquilla!!!!baci e complimentoni!!!

    RispondiElimina
  2. io mangio così e non sono incita..mannagg:DDDD

    RispondiElimina
  3. Non sono catanese e non sono incinta, ma se avessi davanti questa meravigliosa torta ai pistacchi... :-D

    RispondiElimina
  4. HO avuto modo di conoscere da poco il pistacchio nei dolci...purtoppo fino ad oggi la mia conoscenza si fermava a quelli salati da aperitivo...
    E' stato amore a prima vista! Anzi al primo assaggio! Purtoppo non riesco a trovare quello di Bronte...e in verità non saprei distinguerli.
    Questa torta è veramente l'apoteosi del pistacchio! Me ne mangerei anch'io mezza e non sono incinta!
    Mi aggiungo con piacere ai tuoi sostenitori!
    Marcella

    RispondiElimina
  5. Solo una pistacchio dipendente come me potrebbe riprodurre questa torta. La farò presto, ho da smaltire un bel po' di pistacchi, ho paura che mi diventino vecchi :-D

    RispondiElimina
  6. Questa torta è assolutamente strepitosa!!!
    Da provare appena trovo il pistacchio di Bronte originale.

    RispondiElimina

Grazie per aver letto fino a qui, qualora fossi uno spammer coreano, ti prego astieniti, non cliccherò sul tuo link, causa sfinimento..
Gli abbracci sono per tutti comunque :)