martedì 15 giugno 2010

D'INCONTRI E D'AMICIZIA

Miei cari eccomi qui a raccontarvi delle giornate Catanesi dello zioPiero, intanto... che vi aspettate? Com'è Piero dal vivo? Ecco, io le aspettative ce le avevo, un romanaccio, dallo spiccato accento, non vi dico che lo immaginavo con la canottiera di Verdone nel "bianco rosso e verdone" ma quasi!! E che mi trovo?
Intanto è arrivato puntuale, prima delle blogger siciliane, all'appuntamento, (miii ... arrivau già, cà è, ma comu fu, non si pessi?!! = marò.. è già arrivato, è qui,  ma come è successo, non si è perso?!) ... arrivo lì e mi trovo davanti un uomo fine e distinto, educatissimo, accento impercettibile o quasi, e una ragazzina accanto, di quelle ragazzine che non vedi più in giro, acqua e sapone, fresca come una goccia di rugiada su un fiore, riservata ma dal sorriso aperto, e quando sorride sembra che un raggio di sole la illumini tutta, già ma il sole quel giorno non c'era.... ora visto che lozio ha compiuto quest'opera insiema alla zia (che avrei tanto voluto conoscere, perchè non è da tutti supportare un marito patito di cibo e forse ancor di più di fotografia... chissà che ziofissazioni deve metabolizzare!) si guadagna solo per sua figlia 100000 punti, perchè mi immedesimo molto nel compito difficile dei genitori e rimango colpita da questo risultato ... lui...mmmm che dirvi, quasi quasi sono rimasta interdetta, ma è iddu (è lui) non ci sono dubbi, avevo visto la foto sul blog, dietro, uomini in canottiera non ce n'è, dentro la macchina nemmeno... vabbè rispolvero la parte più controllata di me, quella che "almeno l'itagliano sallo", mi accingo a scambiare 2 parole ma, a tradimento, mi esce fuori una "nzuttata" che tradotto vuol dire una provocazione.... gli spio (gli chiedo): " dove lo sei andato a prendere quel piatto che hai postato... "ripiddu nnivicatu", mai sentito... e si che di pasta con il nero delle sicce(SEPPIE) ne ho mangiata..." cominciamo così a parlare... "dimmi la verità Piero c'hai messo la bustina e di seppie manco l'ombra...". e così via discorrendo... ma Piero il senso dell'umorismo  l'ha davvero, non si scompone, se la ride e cosi altri 1000000 punti.... l'umorismo e l'autoironia li considero essenziali nella vita...poi arriva lei, la Sicilia, emh...voglio dire farfallina, una "femmina" d'altri tempi e moderna al tempo stesso, la sensazione, per darvi un idea, è quella di essere avvolti da una coperta, sul divano, una tazza di tè in una mano, una fetta di torta nell'altra e fuori di casa c'è la tempesta... caura(calda) ruci(dolce) avvolgente, rappresenta la Sicilia di cui purtroppo non si sente più parlare, l'accoglienza, il calore, la simpatia, un mondo di cose da dire e da fare, un mondo di persone solari che non sanno stare con le mani in mano, questa è Laura. E come spero avrete modo di conoscere presto, così è anche Scarlett e ci pensate che coincidenza pazzesca, hanno tutt'e due un blog, cucinano per passione, e io le conosco entrambe!!
Tornando a Piero, travolto fu dal terremoto Laura, andiamo qua andiamo là, ti porto qui e poi lì... e "du mischinu"= quel poverino di Piero che faceva di si e seguiva, andava, stringeva mani, socializzava.... prima tappa è stata Belpasso, un paesino alle pendici dell'Etna, lì c'aspettava Marjlet con i suoi bellissimi piccoli bimbi (beddi a piddaveru!!) appena l'ho vista, ho capito che era "lei", per prima cosa un paio d'occhi penetranti di quelli che si rendono conto della situazione in un millesimo di secondo, un sorriso caldo e affettuoso, e poi "siccaaaa" =magra, tanto da farti pensare che non sta ferma un attimo, e se poi per caso ti racconta la sua giornata ti viene pure il dubbio che sia la "donna bionica", lavora tutto il giorno, ha 2 bambini piccoli, cucina... forse è anche riduttivo usare questo termine... cucina la notte e sforna dei capolavori che non ho mai visto in una sola pasticceria (e vi assicuro che ne giro tante...) degna di questo nome....Ora Letizia dillo che non ti sente nessuno... sei bionica vero "a soru?" (sorella)... e comunque grazie a Marjlet, ho gustato la granita più buona della mia vita, una granita alle mandorle tostate, ma ragazzi... non potete immaginare che bontà, e senza Letizia me la sarei persa! Siamo stati poco con lei, avrei voluto avere più tempo da dedicare a queste persone, interessanti e con tante cose in comune, Letizia ma quante domande avrei voluto farti..., ...però so che potremo ricreare l'occasione per vedersi, mi piacerebbe far mangiare allo zio Piero gli spaghetti con il Nero, quelli con i ricci, il nostro pesce, i nostri dolci... si può vivere a Catania e nutrirsi solo di arancini?!!
Zio la prossima volta ci organizziamo meglio, basta un pizzico di fortuna, lo so che gli arancini sono buoni ma penso che puoi mangiare qualcosa di più ... e per quanto riguarda le altre mie nuove amiche, ragazze ci vedremo presto, vi abbraccio tutti!

17 commenti:

  1. No va be Sandruzza sono con le lacrime agli occhi!!! Credo che pochi nella vita abbiano capito come sono realmente e tu sei una di queste...e soprattutto hai avuto parole così dolci da farmi commuoveree!!! Grazie grazie a te allo ZioPiero e a Lety per i due giorni ,bellissimi, trascorsi insieme.
    A prestissimooo!!!
    Un'abbraccio immenso, Laura!!!

    RispondiElimina
  2. Si legge bene che vi siete divertiti un sacco.....lo Zio Piero da quello che leggo deve essere veramente un bel personaggino simpatico.....baci baco stefy

    RispondiElimina
  3. ci avrei scommesso tutto...aspe..quasi tutto...visto che possiedo poco ahahaha cmq che avresti fatto un post bellissimo come te ,persona eccezionale,che non si ferma solo all'apparenza ma va giu' sino all'essenza ...miiiii che post semi psicopedagocico...ahahaha bedda mia sei stata grande!!!hai portato anche tutte noi a quest'incontro tra persone speciali..baci...a prossima vota ci sugnu macari iu!!!

    RispondiElimina
  4. @farfallina: tesò te l'ho detto che ci vediamo più presto di quanto credi...
    @stefy: e con te quando ci vediamo?
    @Scarlett: tesora adesso pure psicopedagoga mi facisti addivintari? :D Davvero è stato un bell'incontro, e come ho avuto già modo di dirti, sei mancataaaa... la prossima volta dobbiamo assolutamente organizzarci meglio! bacio

    RispondiElimina
  5. Grazie Alessandra,
    per il modo in cui hai raccontato il vostro incontro: è stato come essere lì con voi...
    Non è da tutti riuscire a trasmettere le proprie sensazioni con grazia, leggerezza e ironia!

    Un bacione... ciao biddazza... alla prossima!

    RispondiElimina
  6. complimenti per questo racconto! è bellissimo! le tue parole sono così dolci e sentite che mi fanno venire voglia di esserci anch'io la prossima volta! :))

    RispondiElimina
  7. Cara Ginestra, sai che ti dico, mi sarebbe piaciuto esserci.....

    RispondiElimina
  8. @mela, zasusa, fabiola: se noi donne ci mettiamo qualcosa in testa non ci ferma nessuno, che ne dite di iniziare ad organizzare una giornata tra noi amiche? ognuno porta qualcosa e tutti da me...LA PIETRA L'HO LANCIATA!! :))

    RispondiElimina
  9. beh io raccoglierei volentieri questa pietra! si tratta di vedere se il mio "uomo del silenzio" durante le sue ferie mi vuole accompagnare :))

    RispondiElimina
  10. mamma mia che emozione!
    Grazie Ale per aver lasciato un commento sul mio blog non ti avrei mai trovata!!
    Da super distratta non riuscivo a collocarti nella sfera blogger e sei stata una vera scoperta!!
    Grazie grazie per aver descritto il nostro incontro... ero emozionatissima quasi tremavo, sono fatta cosi'! :)
    Riguardo a te che dire... hai tanto parlato di noi: una ragazza dolcissima e dallo sguardo intelligentissimo!
    Peccato essere state insieme pochissimo tempo!
    Io bionica? nooooo, prendo solo 4 caffè al giorno! ahahahah certe volte mi sento esaurita!
    A prestissimo!

    RispondiElimina
  11. tesò ma di che mi ringrazi! E' solo per non romperti con l'ennesimo "BRAVAAAA" che non ti scrivo ogni volta ma ti seguo sempre...e faccio pure bene! :-*

    RispondiElimina
  12. Grazie davvero!
    Amo le persone trasparenti, schiette che sanno perlare di emozioni... vorrei incorniciare questo post e conservarmelo per tutta la vita! :D
    E' bellissimo perchè mi trasmette davvero tanto... un peccato non condividerlo sul forum che ci ha fatto conoscere...ma perche' non lo fai??? una volta tanto dai voce ai siculi!!! :D

    RispondiElimina
  13. ;))io mi sono superata: a Piero non ho quasi per niente parlato di cucina!!! Ahahahahah. l'ho risparmiato :p
    Bellissimo il tuo racconto, e condivido in pieno le lodi a Valentina, è super!
    Spero un giorno di conoscerti, chissà, magari potremo organizzare un pranzetto tra foodbloggers :)

    RispondiElimina
  14. Sa', posso ripetere il mio primo commento appena ti ho visto uscire dalla macchina? :D :D :D

    Ragazzi, che fimmina!!! Due occhi che ti bucano, un sorriso che ti ammalia, una grinta e una forza interiore che respirano con lei...e poi tatto e sensibilità...che altro si puo' volere di più? Sai macari cucinare? :D :D :D

    Grazie di tutto e, soprattutto, delle belle parole usate per Valentina.

    Torneremo, ma voi preparatemi un'Etna più arzillo e 'nnivicatu!!!
    Ahahahaha

    Baci

    Piesse: i miei resoconti li farò al rientro a Roma. Ora me ne vado a manciari u pani caa meusa :)

    RispondiElimina
  15. Pierooo... non hai saputo resistere ahhh? ;) ti immaginavo intento a goderti il tuo ultimo weekend siculo prima del rientro... Grazie caro per i complimenti, non saprei dirti se "so" cucinare ma posso dirti che mi piace moltissimo, questo è certo! Imparo però, spero anche in fretta! Baci

    RispondiElimina
  16. che belli questi incontri! lo so che siete state benissimo, non conosco personalmente le altre ma sulla simpatia dello zio piero ne so qualcosa... un caro saluto

    RispondiElimina

Grazie per aver letto fino a qui, qualora fossi uno spammer coreano, ti prego astieniti, non cliccherò sul tuo link, causa sfinimento..
Gli abbracci sono per tutti comunque :)