mercoledì 14 luglio 2010

La sfida di luglio: La Norma

 
Molti di voi conosceranno quelle due “pazze scattiate” (=simpaticissime giovincelle) di menù turistico,  spesso mi ritrovo a ridere a crepapelle leggendo le loro alzate d’ingegno e i commenti ai loro post frequentati da amici di blog ironici, divertenti e arguti, …fateci un salto se vi va…. Dunque dicevo? Ah si, sto partecipando ad un gioco molto carino che le due giovincelle hanno lanciato sul loro blog, una sfida, ogni mese si esegue una ricetta, interpretando, destrutturando, modificando reinventando il piatto oppure eseguendo semplicemente la ricetta di casa propria… Questo mese la fortuna vuole che abbiano scelto la “Norma”, un piatto che semplicemente adoro!
Ci sono un sacco di storie e leggende sull’origine della nostra pasta alla norma la versione più accreditata, però, dice che ad attribuire il nome a questa pasta fu lo scrittore e regista Nino Martoglio. Una sera Martoglio si trovava a cena da un suo caro amico e attore. Probabilmente la pasta con salsa di pomodoro e melanzane che Saridda D’Urso, moglie dell’amico, aveva preparato in quell’occasione era già diffusa tra le tavole siciliane, ma, evidentemente, il piatto di Saridda era molto ben preparato e deliziò il palato di Martoglio al punto che, dopo la prima forchettata, il nostro Nino esclamò “Signora Saridda chista è 'na vera Norma”, per paragonare la bontà di quel piatto a qualcosa di sublime.
Ora mi dispiace per le amiche messinesi ma non posso permettere che la maternità  di questo piatto vada a voi, tenetevi le cozze e giù le manuzze dalla Norma!
Prima di farvi vedere cosa e come ho fatto, vorrei un attimino annoiarvi parlandovi del piatto che da sempre rappresenta per me il “pranzo a casa”, vedete può sembrare banale ma con i giusti ingredienti con la qualità del pomodoro, della ricotta salata, delle melenzane e del basilico nostrano un semplice piatto di pasta diventa davvero qualcosa di unico, se ci aggiungiamo l’odore della casa di mia nonna mentre la salsa è sul fuoco, il basilico, quello con la fogliolina piccola, tipico della nostra zona, appena colto dalla piantina, i pezzi di ricotta salata così fresca che a stento si riesce a grattugiarla …bè quasi mi commuovo al pensiero! Ora non se se potete capire come il mio cuore si sia rivoltato all’idea di cambiare anche solo una virgola alla ricetta che da sempre si esegue nella mia famiglia!

Ingredienti:
1 kg e 1/2 di pomodoro fresco,
2 melanzane
1 ciuffo di basilico fresco
2 spicchi d’aglio rosso (di Trapani, secondo me il più profumato)
200 g di ricotta salata (da grattugiare al momento),
olio evo q.b., 
sale q.b.
A questo punto il mio dilemma, realizzo il progetto pasta per la sfida o mi faccio un piatto di pasta con tutti i crismi? Perché vedete amici miei, se il cannolo avesse un’altra forma, sarebbe sempre buono ma non si potrebbe dire che è un cannolo! Ora ogni mio piccolo globulo rosso gridava dalle vene: “ma ‘ca ffariiii!!” cioè “ma cosa vuoi fare?”
Ed ecco la ricetta
per la tradizionale ricetta di casa mia “Catanaselle alla Norma” (si evince il riferimento doppio alla mia città?  ;) )
Ho iniziato dalle melanzanine che avevo precedentemente tagliato a fette spesse, cosparse di sale e lasciata a perdere l’amaro sotto un peso, le ho sciacquate asciugate tagliate a cubetti e soffritte in pochissimo olio. Nel frattempo ho preparato una salsa di pomodoro, (dopo aver pelato i pomodori, privanti dei semi e tritati molto grossolanamente) mettendo in una capiente tegame un po’ d’olio evo, uno spicchio d’aglio rosso intero, i pomodori precedentemente preparati, un po’ di sale e l’immancabile punta di cucchiaino di zucchero. Non appena la salsa si restringe ed è quasi pronta aggiungo il basilico “sminuzzato” con le mani. Adesso non resta che cuocere le “catanaselle” in abbondante acqua bollente salata, scolarle mescolarle alla salsa di pomodoro, tuffarci sopra manciate di melenzane a tocchetti e ricoprire di ricotta salata… ed è fatta! La goduria è assicurata!
:D

20 commenti:

  1. Ciao cara, buona questa pasta, vedi che devi partecipare alla mia raccolta ci tengo!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Mamma mia che pasta favolosa!!! La foto parla da sola!! Una goduria!! Bravissima!! Bacioni.

    RispondiElimina
  3. Che bel piattino di pasta....direi che meriti un bel 10!!!!!Baci baci

    RispondiElimina
  4. bravaaaaaaaaaaa!!assolutamente perfetta e' molto catanisi ,la ricotta salata ,il pomodoro fresco che profuma di basilico......piatto di eccellente qualita' siciliana,apprezzato da tutti copiato da tanti.Bella l'introduzione,la storia e i puntini ..ahahahaha la rivisitazione sara' molto bella ma per me resta la number one la prima foto:le cataneselle..baci e buona giornata

    RispondiElimina
  5. @Fabiola: ti ho lasciato il link nella tua raccolta, un bacione
    @Manu: grazie mille sono lusingata :-*
    @Stefy: sei sempre un tesoro!:X
    @Scarlett: concordo con te, si vede che non sono portata per fare la chef... mi piacciono le cose tradizionali e spesso non riesco a cambiare neanche se mi ci metto! un bacio :-*

    RispondiElimina
  6. Concordo con Scarlett da brave catanesi doc la prima la preferisco sempre e poi sta foto fa venire una fame anche alle 11 del mattino!!! Comunque l'idea di mettere le melanzane fritte mi piace assai...ma magari la prossima volta con la pasta all'uovo...si presta meglio ad essere riempita ;D
    Baciottiii a prestissimo spero (pardon ma mi sono fatta sentire poco ma ho avuto non pochi problemi :( )
    Laura

    RispondiElimina
  7. Sei la pìù brava e con questa doppia versione, per me hai già vinto!!!

    RispondiElimina
  8. Ti dico solo:
    1. ho appena finito di pranzare e quindi sono sazia;
    2. se mi mettessi davanti al naso la tua Norma.. me la mangerei 'u stissu!
    Che te lo dico a fare... bravissima!!!

    RispondiElimina
  9. mariasanta che bontà!! ottime preparazioni
    bacioni

    RispondiElimina
  10. Minghia! Bella la foto in alto!!!!
    :)

    RispondiElimina
  11. ma tu sei un mito! e io sono assolutamente strabiliata! le mettiamo tutte e due (fammi recuperare il mio pc, che risitemo la home page)perchè è un reato di omissione, metterne una da parte!
    bravissima, anche per le notizie e la spiegazione accurata!
    ale
    p.s. non vorrei dire, ma la stefania caramomos ha detto lo stesso della ricetta di muscaria, la volta scorsa. che si è aggiudicata la sfida... :-)

    RispondiElimina
  12. Ma che banale! I sapori di casa son quelli che fanno di noi ciò che siamo. Nel bene e nel male! :D

    RispondiElimina
  13. che meraviglia...buonissima..un bacio

    RispondiElimina
  14. ginè, sfondi una porta aperta... io pure sono per il cannolo doc e per gli arancini come da discliplinare.... se per una volta devi godere bisogna farlo fino in fondo... l'aglio trapanese? il mio mr.k sarà a siragusa tutta la prossima settimana, a parte la ricotta salata di cui è ghiotto ma st'aglio mi suggerisci di farmelo portare?

    RispondiElimina
  15. meraviglia! sento il profumo da qui... adesso ho due bellissime ricette da provare, chissà cosa esce...
    Ciao!
    Francesca

    RispondiElimina
  16. @Laura: veramente è stata una scelta precisa quella di non preparare pasta all'uovo. :p.. mi spiace per i problemi ... più tardi ti mando una mail.
    @fantasie: amica mia detto da te, cuoca raffinatissima e poco amante, a quanto leggo, di questo tipo di pasta, gongolerò una settimana intera! :D mi reputo soddisfatta!
    @Mela, Sonia, Alina, Francesca: grazie a tutte
    @ZioP: quella è la foto che ho scattato quando hai chiamato, mi hai detto fai una foto "sporca" ho accolto il suggerimento :D
    @Parentesic.: Concordo in pieno!
    @Cristina: l'aglio costa talmente poco che vale la pena provarlo, ti avviso che "è" Aglio elevato a potenza, profumatissimo ma anche piccantino, diciamo che per chi ama l'aglio è una goduria se no và usato con moderazione ;) baci

    RispondiElimina
  17. Raravis: non c'è un'emoticon con la faccia rossa per l'imbarazzo?!! Mannaggia! Ora vedrai che cosa inventeranno le nostre amiche chef per passione! E poi ci risentiamo...

    RispondiElimina
  18. ehehehe, qualcosa mi diceva che era proprio quella!!!! :))))
    Bacioni ;-)

    RispondiElimina
  19. :) ciao e grazie per il sostegno...sono una novellina da queste parti e ancora non ho capito molto bene come funziona tutto questo, ma mi piace! Ti devo davvero ringraziare per i complimenti...e per i commenti, iniziavo a sentirmi un po' sola lì nel mio angolino! :p
    Professione?? nooo...io faccio la mamma di professione, lavoro e cucina sono un hobby a confronto!!
    ti dispiace se vengo a cena da te ogni tanto?? ( vistualmente almeno! ) ?

    RispondiElimina
  20. ciao Ginestra, che belle ricette e che bei racconti! io amo tanto la tua terra e tutto ciò che è siciliano...anche se ci sono stata solo 1 volta, ma spero di tornarci ancora! p.s.: per me le tue ricette sono entrambe fantastiche, me le "scofanerei" entrambe, brava!

    RispondiElimina

Grazie per aver letto fino a qui, qualora fossi uno spammer coreano, ti prego astieniti, non cliccherò sul tuo link, causa sfinimento..
Gli abbracci sono per tutti comunque :)