sabato 9 ottobre 2010

“arancinI” senza uova

“Dico…sono o non sono una foodblogger?!!” Molto offesa guardo l’uomo del silenzio che mette in dubbio la mia capacità di tirar fuori qualcosa di buono da un frigo disperato per il suo “senso di vuoto”, che vuoi che sia… qualcosa si rimedia sempre e poi…mmmh le sfide mi piacciono!
Tempo fa avevo postato la ricetta della “zia Rita”, come capita talvolta con le ricette di famiglia, non seguirle mi sembra quasi un delitto ma questa volta, ho voluto e anche dovuto provare a fare gli arancini senza le uova, devo dirvi che il risultato è stato entusiasmante! Da oggi questa sarà la ricetta della mia famiglia!
Sul fatto che le palermitane che mi leggono avranno da ridire sul nome ….rassegniamoci! Dico solo che, nel nostro dialetto, quando andiamo a comprare un kg di arance diciamo al fruttivendolo “mi rassi n’chilu d’aranci” , le arance piccole in dialetto si chiamano arancini… come ho detto poi a Stefania-Cardamomo il fatto che siano a forma di pera è per me inspiegabile! :D
E’ importante avere in casa del sugo o del ragù già pronto, (io avevo congelato un pochino di carne al sugo di cui nessuno però aveva voglia), altrimenti la preparazione di questo piatto potrebbe prendere anche 2 giorni in quanto ne userete uno per preparare il ragù appunto. Non vi scoraggiate per la lista ingredienti, alla fine sono cose che tutti abbiamo in casa o possiamo realizzare in casa, è una ricetta più lunga a scriversi che a farsi. In rosso tutte le mie note.
Ingredienti (dose per 18 arancini):
  • 500gr di riso (io uso il gallo per arancini e timballi).
  • 2 litri di brodo vegetale (io lo faccio con il dado fatto in casa dal bimby).
  • 50 gr di parmigiano grattugiato.
  • 200 gr di buon ragù di carne e/o possibilmente qualche pezzetto di carne col sugo.
  • 150 gr. di spinaci salati saltati al burro con poca noce moscata o pepe nero, finemente tritati.
  • 1 provoletta ragusana fresca o un cacio fresco delle vostre parti tagliato a cubetti.
  • 10-12 stigmi di zafferano siciliano (in alternativa la solita bustina)
  • 200 gr di besciamella (io homemade).
  • pangrattato (io homemade)
  • 130 gr farina 00 (per la pastella)
  • 200 ml acqua (per la pastella)
  • olio per friggere (d’arachide)
Prima di tutto prepariamo il brodo vegetale, mettiamo 4 cucchiaini di “dado” in 2 litri d’acqua, non appena raggiunge il bollore assaggiamo il brodo e se è il caso aggiustiamo di sale (non dovrebbe essercene necessità) a questo punto, prendiamo qualche cucchiaio di brodo traferiamolo in una tazza da caffè e lasciamo in infusione gli stigmi dello zafferano, nel frattempo buttiamo il riso e blocchiamo la cottura del riso quando ancora sentiamo i chicchi attaccarsi un pochino duretti ai denti. Scoliamo il riso e lo mescoliamo vigorosamente all'infuso di zafferano (ottenuto lasciando in infusione una decina di pistilli in pochissimo brodo caldo) e al parmigiano grattugiato. Dividiamo il riso in due parti, ad una aggiungiamo gli spinaci, all’altra un poco di sugo. Fatto ciò, stendiamo il nostro riso su due grandi teglie bagnate, magari rettangolari, si raffredderà molto prima e sarà più veloce da “formare”. Intanto che il riso si fredda prepariamo velocemente una besciamella mescolando con una frusta, due cucchiaiate di farina e il latte a “filo” (circa 200 ml), mettiamo sul fuoco e facciamo rassodare molto bene la nostra besciamella, aggiungendo solo alla fine il sale e il pepe. Passiamo poi alla preparazione della pastella, con acqua e farina, cerchiamo d’ottenere una pastella molto fluida, io ho usato il bimby. Prepariamo tutti gli ingredienti nelle varie ciotole, una ciotola per il formaggio tagliato a dadini, una ciotola per i pezzetti di carne e ragù, (mi raccomando non scordate il cucchiaino!). Uso una grande teglia dai bordi alti per il pangrattato, ve ne consiglio un tipo chiaro da pane bianco cosicché non correte il rischio d’avere arancini troppo scuri una volta fritti, una ciotola per la pastella, una teglia per poggiare gli arancini impanati. Cosa importante cercate di posizionarvi vicini al rubinetto in quanto dopo la panatura di ogni arancino dovrete lavarvi le mani. Prendete una pentola dai bordi alti (gli arancini devono friggere in olio profondo) e versateci dentro 2 litri d’olio di semi d’arachide, fate scaldare l’olio, sarà pronto quando inserendo il manico di un cucchiaio di legno, vedrete la schiuma sfrigolare tutt’intorno.
Una volta raffreddato il riso, (bagnatevi le mani) distendetevene uno strato lungo tutto il palmo della mano sx, se intendete dare la forma a pera, formate una conca con il palmo della mano per dare invece la forma tonda. Posizionate al centro un pochino di sugo, un pezzetto di carne, 4/5 dadini di formaggio, richiudete un pochino il riso attorno al ripieno e sigillate con dell’altro riso, contemporaneamente cercate di dare la dorma a pera, lavorando con i palmi bagnati il riso dalla base alla punta. Nel caso dell’arancino tondo che io ho destinato al condimento “spinacioso”, riempite il palmo della mano, formate una conca nella quale metterete, un cucchiaio di besciamella soda, 4/5 dadini di formaggio, mezzo cucchiaiono di parmigiano e se volete del prosciutto tagliato finemente (che io non avevo), sigillate con dell’altro riso. Passate poi nella pastella, sgocciolate e ripassate nel pangrattato facendolo aderire bene all’arancino in ogni sua parte. Lavatevi le mani e procedete con l’altro arancino. Quando saranno tutti impanati e disposti nel loro bel vassoio, metteteli in frigo almeno 1/2 ora, questo garantirà una maggiore croccantezza alla panatura. Abbiate l’accortezza durante la frittura di non cuocere più di tre arancini per volta, quest’accorgimento vi aiuterà a rigirarli meglio e a farvi evitare eventuali rotture.
Di seguito le foto dell’interno.



Buona serata e buona Domenica. A presto

25 commenti:

  1. mi hai fatto venire voglia di rifarli,tempo fa avevo postato una ricetta ma la prossima volta voglio provare la tua...Buona serata...

    RispondiElimina
  2. adesso ho fame...e ne voglio uno....buoniiiiiiiii

    RispondiElimina
  3. Ciao cara,hai proposto una vera bontà.
    Un ripieno alternativo molto buono quello degli spinaci,sicuramente da provare.
    Bravissima come sempre,ti auguro una buona domenica,un bacio Raffa

    RispondiElimina
  4. Ciao! Questi arancini sono favolosi...complimenti!!!
    Buona serata!

    RispondiElimina
  5. Allora l'hai trovata qualcosa da proporre per la raccolta?????!!!! Sono perfetti, baci.

    RispondiElimina
  6. Brava, Teso'!
    Questi si che so arancinI
    E poi rigorosamente senza uova!
    Spiegazioni esemplari.
    Esecuzione magistrale.
    Si vede che li ami molto ;-)

    Baciuzzi ;-)

    RispondiElimina
  7. bella sandruzza anche io non uso uova ma li faccio tondi pero'... la punta non viene mai...e la nostra forma conica diversamente da quelli palermitani dicono che sia data in onore della nostra cara etna...cosi' dicono...ahaha ca punta o senza punta su ''maginifici''!!!complimenti assai...buona notte

    RispondiElimina
  8. Io prima o poi devo assolutamente farli!!
    e la tua ricetta è fantastica!!
    complimneti!!

    RispondiElimina
  9. Donna dalle mille risorse!! mi togli una curiosità? tu non metti burro nella besciamella? Ciao buona domenica :)

    RispondiElimina
  10. buongiorno cara...
    questi arancini sono spettacolari e strabuonissimi con quel super ripieno..aggiungiamo alla lista grazie...
    bravissima cara..
    lia

    RispondiElimina
  11. Si, mi hai convinta!
    Li fai sembrare facili facili, e quindi sperimenterò presto.
    Baci cara e buona domenica!

    RispondiElimina
  12. Mamma mia che fame che mi hai fatto venireee!!! Quando li rifai che passo a salutarti??? ehehe comunque anche io rigorosamente senza uova e con la pastella li trovo moltoo più buoni e croccanti. Li hai spiegati proprio bene e le foto sono da sbavo ;D Io uso il riso Roma, che quello per arancini l'hanno fatto uscire da poco. ANche io come ROss tondi...ma la punta tua ti è venuta meglio della rosticceria!!! Un bacioo enorme e buona domenica!!!
    Laura

    RispondiElimina
  13. Buona questa versione, ottima per gli intolleranti. Le foto sono bellissime, rendono a pieno l'idea della grande bontà che hai preparato. Buona DOmenica. Terry

    RispondiElimina
  14. sto salivando senza ritegno :-O
    ma sono spettacolari! non so davvero come fai a farli conici....ora mi è venuto sto desiderio e quanto prima sarò costretta a farli, arancini o arancine che siano!
    buona giornata

    RispondiElimina
  15. @Chiara: mi lusinghi, e ti consiglio di provarla!
    @Nora: appena ripassi da queste parti te li preparo
    @Raffaella: grazie tesoro, la prossima volta anche altre varianti.
    @S&V: grazie mille
    @Fabiola: è stata dura, stai postando tutto tu ;))
    @Zio: hai ragione, li adoro, e un mio cruccio è rimasto il fatto che quando sei stato qui non hai potuto gustare i migliori! Mannaggia! Ci rifaremo!
    @Scarlett: il fatto che la punta richiami il nostro vulcano mi piace! Non lo sapevo! Un bacio
    @Francesco: se li provi fammelo sapere! Un bacio
    @Greta: esatto, niente burro nella besciamella!
    @Mela: tesora sono facili davvero!
    @Farfallina: tesoro io, prima che uscisse questo riso usavo comunque l'originario, grazie per i complimenti, la punta viene lavorando dalla base tonda ed assottigliando man mano che ruoto la base.
    @Terry982: grazie mille e mille grazie, hai sentito Piero? Terry dice che le foto rendono l'idea della bontà! Pigghia e potta a casa!
    @Sonia: se li fai fammelo sapere! baci

    RispondiElimina
  16. ciao cara!! mi hai fatto tornare in mente Montalbano e la sua passione per gli arancini. Bella ricetta senza dubbio.

    RispondiElimina
  17. A quest'ora che li vedo che non ho nemmeno mangiato...sono un delitto!! ehehehehe
    Prima o poi li provo...mi armo al meglio per sgrassare nel postfrittura e li faccio! :P
    ehehehehe
    Brava davvero

    RispondiElimina
  18. Oh sìsìsìsìsìsìsìììì questi sono arancini spettacolari, me li salvo immediatamente per momenti futuri! :P

    RispondiElimina
  19. qui, poi, con calma, appena il neurone trova un attimo di calma, leggo e approfondisco... nel frattempo te volevo dì:

    ohì ginè senti n'po'... ma per il contest dell'arabba... presentasse co' l'arancini dolci ripieni di mela e crema?
    anzi no... famo còce il riso nel latte profumato d'agrumi e farcimo con mele cotte nel vino con cannella e i chiodi di garofano... chemmeddici? ce presentamo in coppia al grido di "arancinI forever!"? :D

    ps - ma il bimby non è un film della walt disney? quello cor cerbiatto... no?

    RispondiElimina
  20. a ginè, a me m'hanno fatto cambire il post con questa storia delle arancinE colla E e adesso mi dite che si chiamano arancinI colla I... che mi viene a significare 'sta cosa?
    vabbè compro una consonante e per me da ora in poi saranno gli arancinS forever...

    @ spaz: hahaha! ma come te viè! aspetta che te sente l'araba... je stravolgi il contest... troppo forte...
    baci a tutti

    RispondiElimina
  21. ma che goduria questi arancini, sto sbavando di brutto!! un bacione e buon weekend

    RispondiElimina
  22. Noooooooooooo....sono passata di qua e ho visto queste opere d'arte!!!! Altro che Savia...Etolie d'or....St Moritz... Scardaci...&co. da oggi quando vorrò gli arancini giusti...ti telefono e passo da te!!ahahahah....scherzo...proverò a farli...una spiegazione eccellente!!grazie, ci EliFla

    RispondiElimina
  23. Sono la mia passione glI AranciI,belli piramidali,superbi nella loro altezza e croccantezza e che ripieno lucculliano!!!
    bravissima ;)
    Z&C

    RispondiElimina

Grazie per aver letto fino a qui, qualora fossi uno spammer coreano, ti prego astieniti, non cliccherò sul tuo link, causa sfinimento..
Gli abbracci sono per tutti comunque :)