mercoledì 6 ottobre 2010

Aspettando…


Convinta che il fatto che un gatto nero, l’altro ieri abbia deciso di tornare sui suoi passi piuttosto che attraversarmi la strada, confermi che chiuso il mese di Settembre, la sfiga abbia abbandonato la mia casa,  attendo il rientro dell’uomodelsilenzio al suo posto di lavoro. E’ tanto che non vi racconto niente, siamo ancora in attesa di significative novità, perchè ci possiamo aspettare d’avere i risultati di una biopsia in una settimana? DUE?…NOOO tre settimane e ancora silenzio…. tutto tace. L’uomodelsilenzio è ancora in convalescenza, vive disteso, dal letto al divano, ormai da tempo immemore, vittima delle circostanze, pasto preferito delle nostre immancabili eterne, geneticamentemodificate zanzare, il suo umorino rivela una profonda e radicata intolleranza a chiunque gli s’avvicini, vertebrati o invertebrati, da lì, “esausto” per il riposo forzato a cui è condannato, dirige i lavori di casa, “suggerendo” in via perentoria, le priorità nelle mie faccende domestiche! Shirleytemple è al suo fianco  non lo molla un secondo, sorbendosi video di concerti che per una cuccioletta di soli 2 anni e mezzo dovrebbero essere una vera tortura, ma lei rimane lì avvinghiata all’uomo della sua vita, lo guarda con uno  sguardo di assoluta venerazione, lo protegge dagli assalti dei fratelli, (“pelchè mio padle c’ha la felita”) lo bacia felice di averlo tutto per se, per tutto il giorno, tutti i giorni! E così, ribadisce a chiunque voglia stare ad ascoltarla, lei prima di nascere è stata nella pancia di suo papà… si lo sa che: “gli altli, mio flatello e mia solella, elano nella pancia della mamma, no io, no”. Quasi quasi ci credo anch’io!!

Non so se ve l’ho mai detto, ma l’uomodelsilenzio è per metà austriaco, così, un pochino per sollevare il suo umore, un pochino per alleviare la tensione nervosa che accumulo sopportando i capricci di questo grande e  grosso improvvisato quarto figlio, ho deciso di tentare il mio primo “pane nero”, un pane fatto con farina d’avena e di segale, un must della cucina austriaca, profumatissimo, molto morbido e vagamente dolce, molto amato in casa di mia suocera e a cui è legato affettivamente anche l’uomodelsilenzio. Poi visto che c’ero, per accompagnare la marmellatina di fragole homemade, ho fatto anche il burro … si proprio io… cioè il bimby a dire il vero. Per farla breve vi posto la ricetta del pane per chi avesse voglia di provare, il burro l’ho fatto semplicemente facendo impazzire la panna fresca nel bimby, 4’ vel.4 con un pizzichino di sale, compattando con le mani tutti i pezzetti di burro e distendendoli in un contenitore apposito. 
Ingredienti:
  • farina di segale e avena 500gr. (io ho preso le farine lo conte per pane nero)
  • acqua quanta ne prende l’impasto
  • 1/2 cubetto di lievito fresco
  • sale q.b
  • malto – 1 cucchiaino
  • sesamo (facoltativo)
Ho preparato un lievitino, con un pochino di farina, acqua e 1 cucchiaino di malto. Non appena il piccolo panetto ha raddoppiato il volume l’ho impastato con il resto della farina, un pochino di sesamo e dell’acqua tiepida nel bimby, aggiungendo l’acqua un poco alla volta fino a che ne ha voluta la farina, ho impastato per  circa 8 minuti mod. spiga. Dopo il quarto minuto ho aggiunto il sale. Una volta impastato il panetto, ho provveduto a riporlo al calduccio dentro un contenitore di vetro, avvolto da una coperta. Non appena ha triplicato il suo volume, ho ripreso l’impasto, l’ho avvolto su se stesso dandogli la forma di un salsicciotto e l’ho deposto dentro uno stampo da plumcake precedentemente unto con dell’olio. Ho atteso nuovamente che lievitasse e  ho provveduto ad infornare a 200°per i primi 10’, poi ho abbassato a 180° fino a cottura ultimata, ma queste indicazioni valgono per il mio forno per il vostro saprete voi.
A presto cari e buona giornata.

17 commenti:

  1. Per quanto il pane che hai preparato è nero, il post è altrettanto trasparente. Non commento o aggiungo altro al personale proprio per rispetto ma devo obbligatoriamente farti i complimenti per come racconti la tua vita. Carattere, ironia ed intelligenza non vengono mai meno. Complimenti per il pane e per il burro frutto di una "follia" della panna eheheheh
    :)))))))

    RispondiElimina
  2. Gambetto hai detto bene bravo!!! e un grandissimo abbraccio lo devo a questa siciliana tutto pepe e al suo modo di proporsi sempre con un bel sorriso sulle labbra per chi come me e qualcun altro ha avuto il piacere di chiaccherarci o bere un bel te...ha davvero un bel sorriso e un paio di occhi grandi e profondi che sanno di grande forza interiore e tanto amore... forza Sandruzza mia e complimenti per il pane ,burro e marmellata..bacioni

    RispondiElimina
  3. Complimenti per il pane e per il burro! Un abbraccio e un in bocca al lupo

    RispondiElimina
  4. Per quanto possa valere...ti abbraccio forte forte...

    RispondiElimina
  5. Ciao conterranea, complimenti per il pane e il burro....ma complimenti per l'ironia con cui racconti il tuo vissuto...ti abbraccio forte e ti mando un grossissimo in bocca la lupo....
    baci

    RispondiElimina
  6. Ottimo pane! In bocca al lupo per tutto :)

    RispondiElimina
  7. Plopio buono questo pane ^_^
    ma che figata il burro home made...non ho il bimby!!! come procedo?????

    baci

    p.s mannaggia alle zanzare!

    RispondiElimina
  8. ecco un pane favoloso da mettere c on una fetta di lardo e del miele sopra, servire caldo, ciao.

    RispondiElimina
  9. @Gambetto e Rossella: ma vi sembra il caso di farmi commuovere? Io non ho parole! Vi dico solo sshhh, troppe belle frasi spese per una come me!
    @Zucchero, Greta, Letizia, Ylenia: gli abbracci arrivano, eccome! Crepi il lupo con tutto il branco! grazie mille!
    @pagnottella: per il burro, potresti provare a montare la panna fresca fino a farla impazzire a questo punto dovresti vedere dei pezzetti di panna solidi, raccoglili e compattali con le mani, butta il liquido rimasto, tieni in frigo e utilizzalo come un burro normale.

    RispondiElimina
  10. Flavioooo non mi tentare! Solo con il commento ho preso un kg!

    RispondiElimina
  11. Ginestra ha giá detto tutto Gambetto..mentre ti leggevo ho pensato le stesse cose.
    E questo pane e´adatto agli umori di queste parti. Un abbraccio forte..(sto pensando a una superricetta per la tua bellissima raccolta !!), Simonetta

    RispondiElimina
  12. Meravigliosa tu ed il modo di essere,
    Meravigliosa la tua bella famigliola...
    Meraviglioso il pane nero con burro e marmellata (mia mamma è olandese...)
    ...ma anche il gatto nero che torna indietro...

    Tranquilla dolcezza, che tutto andrà bene!!!

    RispondiElimina
  13. dice un vecchio detto nessuna nuova...buona nuova.Hai la mia più grande ammirazione per il tuo modo di raccontare la vita. Un abbraccio e aspetto assieme a te le novità!

    RispondiElimina
  14. senza parole!! mi dispiace che la tua famiglia non attraversi un momento sereno, ma sono sicuro che lo supererete alla grande.

    RispondiElimina
  15. Dopo aver letto il tuo post ho letto il commento di Gamby...e posso solo che unirmi alle sue parole e, avendoti anche conosciuta, condividerle in pieno!

    Baciuzzi, Sa'

    RispondiElimina
  16. Mi piace molto la saga dell'"uomo del silenzio"....e pure semi-austriaco!
    bel post
    bacioni e porta pazienza :)

    RispondiElimina
  17. Come ho fatto a perdermi questa ricettaaa mannaggia a me!!! Io testimonio che parla veramente cosììì la piccola Sherly ;D...
    Buona convalescenza all'uomodelsilenzio ;D
    Baci, Laura

    RispondiElimina

Grazie per aver letto fino a qui, qualora fossi uno spammer coreano, ti prego astieniti, non cliccherò sul tuo link, causa sfinimento..
Gli abbracci sono per tutti comunque :)