lunedì 29 novembre 2010

Di Panzotti di ricotta fresca e amici cari

 Mica c’ho tanti amici sapete? Pochi, pochissimi… Miglioreamica è nella mia vita da più di vent’anni…. oh mamma! Come capita a chi c’ha sempre un inferno di cose da fare, una famiglia da seguire, una casa da pulire, un lavoro….insomma il nostro “quotidiano lavoro forzato”, non si riesce più a frequentare chi vorresti, e spesso non si riesce neanche a mettere il naso fuori di casa a parte che per le incombenze sopra menzionate… ogni 4 o 5 mesi ci “imponiamo” una riunione, dopotutto Miglioreamica ha sposato Miglioreamico dell’UomoMedievale, ragione per cui siamo come fratelli e tant’è che i suoi figli mi chiamano zia….
E’ strano pensare a come cambiano le prospettive con gli anni, un tempo quando vedevo Miglioreamica pensavo che fosse una ragazza talmente serena, frizzante e rilassante da sentirmi rilassata pure io, la chiamavo “raggiodisole”, oggi non appena varca la porta di casa la vedo sbracarsi distrutta, continuando a far si con la testa ai figli, cercando sempre qualcosa che ha inevitabilmente perso da qualche parte, tra il supermercato e la macchina e tra la macchina e il mio portone di casa…. rido, perché anche questo suo cambiamento mi è familiare, alza gli occhi, occhi d’un verde smeraldo di rara bellezza e con un cenno mi ha già detto che è stanca, che ha bisogno di tregua, che adesso si rilasserà un pochino… le devo talmente tanto che davvero non saprò mai come sdebitarmi! C’è sempre stata, ha condiviso i miei momenti di felicità, ha assistito alle  mie rovinose cadute, mi ha accompagnato nelle ripide risalite e se oggi sono qui ….."lingua mortal non dice ciò ch’io sentiva in seno".

Unica pecca…. mi ha presentato l’UomoMedievale e anche se sono passati tanti anni non riesco ancora a perdonarla!
Tornando a noi e al mio debito che cerco sempre invano di ripagare vi rigiro il menù, vi anticipo che è uno di quei menù “di tutto riposo” (raravis docet) come piacciono a me, ho cucinato tre giorni ma senza stress, se una cosa la fai con piacere, del resto, dovrebbe essere d’obbligo godersela. E tra l’altro potrebbe anche essere un’idea per un menù delle feste!
Iniziamo dal sugo, come leggerete questo sugo lo cuocio 2 giorni interi, la carne si spezzerà con la forchetta…. ho aggiunto questa volta al sugo mezzo litro di Etna Rosso, sostituendolo all’acqua che uso per diluire il concentrato, potremmo definirlo Sugo Ubriacato, ma davvero il risultato, per noi semi-ubriaconi è stato eccellente! La carne l’abbiamo mangiata il Sabato, e il sugo è servito a condire i panzotti homemade riservati alla Domenica.
Premetto che ho avuto ancora una volta conferma che se la materia prima è di ottima qualità il risultato è quasi garantito! Sabato mattina mi sono procurata una fuscella di ricotta freschissima di pecora (saprete ormai che qui nel Catanese siamo pieni di pecore….) il “ricottaro” me l’ha consegnata opportunamente asciugata, nel senso che il Sig. Filippo ti chiede “che ci deve fare signoraa?!” e io “farcire la pasta…”  e lui “ahhh…allora ci do questa che è più asciùcata”…(nel senso che ha già perso molto siero).
Allora che ci serve?
per 7 persone (che mangiano parecchio)
  • semola di grano duro rimacinata 750 gr.
  • 6 uova da 60 gr + 1 tuorlo
  • 2 cucchiai di olio evo
  • sale un pizzicotto
  • acqua se occorre e/o pochissima
Io ho usato il bimby per ottenere l’impasto bello morbido e omogeneo, altrimenti fate la solita fontana, sbattete le uova con il sale e incorporatele pian pianino alla farina di semola, aggiungete l’olio e impastate energicamente e a lungo, se serve aggiungete un poco d’acqua. Mettete poi la vostra palla sotto una pentola, posizionata a mo’ di campana. Lasciate riposare mezz’oretta, dopo di che procedete, tagliando l’impasto che vi serve un poco alla volta, tirandolo in una sfoglia sottile sottile. Disponete poi i cumuletti di ricotta sulla sfoglia tirata, a distanza di un centimetro l’uno dall’altro e ricoprite con una altra sfoglia. A questo punto tagliate con un taglia pasta della forma desiderata, il mio era ovale (come un pancino).

interno

Con i ritagli dell’impasto ho formato dei maccheroni, sfregando tra le mani la pasta, compiendo il gesto che si compie quando cerchiamo di riscaldarci le mani, dopo aver formato dei cordoncini li ho poi nuovamente arrotolati su uno spiedino per renderli cavi all’interno, questo lavoro per consentire anche ai bimbi che non amano la pasta ripiena di poter mangiare comunque la pasta.
Ho scelto d’usare la semola perché mi piace il sapore più rustico nella pasta ma potreste anche usare la farina 00, la cottura non è da pochi minuti, anzi!
Ma vi ricordate della fuscella? E mica è finita tutta nel ripieno anzi…
RICOTTA INFORNATA
Prendete la ricotta, necessariamente di ottima qualità, e compattatela dentro uno stampo imburrato dai bordi molto alti il mio ha 18 cm di ø, trasferitela in forno per 30/40 minuti fino a quando l’esterno non avrà questo aspetto, vedete tutta quella bella crosticina scura?! :D

Noi l’abbiamo gustata con il pane caldo e se volete un tocco di miele, un antipasto niente male, credetemi!
Poi c’erano anche verdure al forno e verdure in agrodolce e le patate sabbiose aromatiche di cui vi parlerò non appena riuscirò ad avere le foto :D insomma che ve devo dì, lo sapete che qui se non c’è cibo sulla tavola da fartelo uscire dagli occhi non si può neanche alzare il telefono e pensare d’invitare qualcuno!
e MiglioreAmica? E’ andata via con il proposito di stare a pane e acqua per tutto il resto della settimana…..
alla prossima

20 commenti:

  1. Anche io anche iooo voglio essere la tua Miglioreamicaaaaa!!!! Questo piatto mi piace assaiii eccomee. Poi anche io faccio parte della cerchia semiubriachi!!! :D Quel sughetto mammaaa mia. La pasta con la farina di semola ovviamente non mi sciocca visto che tuttiii a Catania la fanno così. Io solo negli ultimi anni mi sono convertita alla 00 ma devo dire che hai ragione...con la semola è molto più rustica!!!!

    La prossima volta che li rifai fai un fischio ;D

    Baciotti cara, Laura

    RispondiElimina
  2. bedda mia so di cosa parli tavoli cunzati e pancie piene!!... sai anche io ieri mi sono data alla pasta fresca con un risultato niente male x essere la prima volta...postero' prossimamente..alla tua amica non conviene stare a pane ed acqua...non sa che si perde nella vita ..brava e bacioni e buon inizio di settimana

    RispondiElimina
  3. Mischinedda, Migliore amica: ti presenta UomoMedievale e tu che fai? Aspetti 20 anni per vendicarti, la inviti a pranzo e la condanni a pane e acqua per una settimana!!! Ma cosi di foddi.... =))

    Per fortuna che almeno il pranzo è stato principesco.... :D
    Buonissimo il sugo ubriaco, buonissimi i panzotti a panzuneddu, favolosa la ricotta infornata... che altro dire? Aspetta che piglio l'aereo e per ora di cena sono giù...

    RispondiElimina
  4. Ecco, queste sono le ricette che mi fanno venire l'acquolina solo a guardarle... figurati se ne sentissi il profumo!!!
    Meravigliosi panzerotti e splendido sugo, il suo colore è una garanzia!!!
    E molto belle le tue parole nei confronti di raggiodisole: è vero che è un dono unico godere dell'amicizia sincera di qualcuno. E se poi si condivide un pranzetto come quello che descrivi... la vita può sembrarti addirittura PERFETTA!
    Baci cara!

    RispondiElimina
  5. La ricotta infornata mi fa sbrodolare al pensiero...!
    Bellissima
    Barbaraxx

    RispondiElimina
  6. Molto belli, mi sono piaciuti i cordoncini di pasta, credo che li faro' al più presto.
    Mandi

    RispondiElimina
  7. Ah però!!!Che bel pranzetto....brava...mia cara...anche per la ricotta infornata....sai che non l'ho mai fatta?!???....baci

    RispondiElimina
  8. ma che meraviglia di menù ..e poi quei panzerotti...devono essere proprio delicati.
    La ricotta al forno non la conoscevo.. devo provarla, insomma grazie 100 per tutti questi suggerimenti!

    RispondiElimina
  9. Ma quante cose buone!!!Quando mi inviti a mangiare da te??? ;)

    Bravissima!

    RispondiElimina
  10. Mamma mia a quest'ora infilzerei la forchetta.. nello schermo del pc, tanto i tuoi panzotti sono invitanti... per non parlare della ricotta infornata: brava!

    RispondiElimina
  11. Sto morendo per quel sugo...Ci credi che ho dovuto smettere di leggere?

    :))))

    /Bella (e onoratissima) :D :D :D

    RispondiElimina
  12. oh...... sono senza parole... che bella storia di amicizia... e che bel menù hai preparato, quante cose buone, quella fetta di ricotta con il miele è da svenireeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!!

    RispondiElimina
  13. Avere "oggi" una "miglioreamica" credimi
    è una vera fortuna..tientela stretta!!!
    Un pranzetto coi fiocchi..sei stata bravissima!!
    buona giornata
    Enza

    RispondiElimina
  14. che cosa preziosa, una miglioreamica! io ne ho una da...44 anni... però forse non siamo così legate, o comunque non in modo così gioioso, non so.. a volte la sento distante...
    meglio che mi soffermi di più su questo menù ricottoso, mi pare davvero speciale!! (quei pansoti, poi, che bellezza!)

    RispondiElimina
  15. Madonna ... sto andando in brodo di giuggiole!
    Il mio stomaco preotesta rumorosamente a pensare a queste delizie, ti giuro che mi sembra di sentire il gusto del sugo stracotto, strabuono .. e la ricotta ... che meraviglia!
    Per quanto riguarda gli amici .. ehm, velo pietoso.
    Da un anno abbiamo "perso" un amico di sempre a causa di una donna .. credevo fossero cose lontanissime e invece è successo a me.
    MiglioreAmico è il fratello del suddetto personaggio ...
    MiglioreAmica è con me dalla prima elementare ... 20 anni anche per noi ... se passa il tempo!
    Ho la fortuna di avere attorno a me almeno un'altro paio di persone che so che darebbero la vita per me, anzi la vita forse no, che qui non si sa mai, la mano sul fuoco non s'ha da mettere mai!
    :)
    Un bacione tesoro

    RispondiElimina
  16. Ma che bel menu!
    Però te lo devo dire, mi hai spiazzata con la ricotta. E' sublime, io la adoro e l'ho sempre comprata già fatta, e chi lo sapeva che era così facile?! :-o
    Grazie, grazie, grazie!
    Baci

    RispondiElimina
  17. Ginestrina,questo post mi ha commossa ;;) tra la parte sul uomomedievale....
    quoto sull'uso della semola, anche da qieste parti i ricuttari chiedono che ci devo fare con la ricotta ;)) ma la ricotta infornata non ho mai pensato di farla, per quanto io la compri spesso.... sarò stordita??? :p quindi grazie e bacioni
    menu megagalattino!!

    RispondiElimina
  18. volevo dire...tranne la parte dell'uono etc...

    RispondiElimina
  19. lo dico che sono stordita.... volevo dire uomo...
    ora basta però...:-L

    RispondiElimina
  20. Non ci posso credere!!!! ho fatto un sacco di errori nei commenti....ma si può??????? mi vergogno come una ladra :((

    RispondiElimina

Grazie per aver letto fino a qui, qualora fossi uno spammer coreano, ti prego astieniti, non cliccherò sul tuo link, causa sfinimento..
Gli abbracci sono per tutti comunque :)