venerdì 12 novembre 2010

Frittelle di cardi

 
I cardi sono una di quelle prelibatezze che a casa mia si mangiano soprattutto nel periodo natalizio, frittelle di cardi  finocchi e mandarini li ricordo disposti in sequenza sullo sparecchiatavola di mia nonna o di mia zia…  adesso che capita spesso di festeggiare il Natale da me, li ripropongo anch’io volentieri, un piatto che amo particolarmente. C’è qualcuno di voi che non ne ha mai sentito parlare?
Il cardo  è un ortaggio invernale di forma simile al sedano, ma appartenente alla stessa famiglia dei carciofi.

La parte commestibile del cardo è il gambo, che ha un gusto similissimo a quello del carciofo, con sfumature che ricordano molto vagamente il sedano. I suoi gambi sono piuttosto duri e di sapore leggermente amarognolo, per limitare l'amaro devono essere coltivati il più possibile in assenza di luce, il che li rende anche più candidi; e devono subire l'effetto delle gelate tardo-autunnali, che li rendono più teneri. I cardi che tendono ad aprirsi non sono più molto freschi, meglio scegliere piante dal colore chiaro, chiuse e pesanti, prive di macchie, con costole croccanti e larghe. (fonte web).
immagine del cardo crudo
cardo
Ingredienti
  • 2 mazzi di cardi
  • 70 gr. di pecorino grattugiato
  • 4 uova
  • un ciuffetto di prezzemolo
  • un ciuffetto di menta
  • 2 spicchi d’aglio
  • olio per friggere
  • sale q.b.
Come procediamo? Semplice, per prima cosa tagliamo la base del gambo e togliamo le foglie esterne più dure e/o macchiate. Laviamo le nostre coste di cardo con acqua e bicarbonato o se preferite lavate semplicemente con acqua ma molto accuratamente, mettiamo a bollire dell’acqua salata in una pentola capace e a  questo punto io taglio le coste a pezzettoni e non appena l’acqua comincia a bollire le butto giù. I cardi cuociono circa mezz’oretta, mi raccomando a non stracuocerli anzi stiamo attenti a lasciare i nostri pezzettoni ben sodi. Non appena sono cotti, li scoliamo e li lasciamo nello scolapasta a perdere tutta l’acqua di cottura, coprendoli con un piatto. Nel frattempo ci preoccuperemo d’altro, che so telefoniamo ad un’amica, guardiamo il tg, curiosiamo per i blog…. trascorse un paio d’orette, iniziamo a sminuzzare un paio di spicchi d’aglio, un ciuffetto di prezzemolo e un ciuffo di mentuccia. In una grande ciotola sbattiamo 4 uova con un pochino di pecorino grattugiato, aggiungiamo il prezzemolo, l’aglio e la menta e se lo vogliamo una macinata di pepe, a questo punto mescoliamo al composto di uova i nostri cardi. Avendo cura di prendere un poco di composto alla volta servendoci di  due cucchiai da tavola immergiamo le nostre frittelle in abbondante olio caldo. Una volta fritte le disponiamo su carta assorbente e poi sul vassoio che andrà in tavola. Andrebbero mangiate calde calde, ma anche fredde sono buonissime. Credetemi sono da provare!
Vi lascio con questa idea per il w.e. e vi aspetto numerosi per l’MT Challenge di questo mese che si aprirà domani.
a presto

21 commenti:

  1. non li ho mai mangiati! però ho visto che al mercato ci sono e mi hai incuriosito con questa ricetta.....

    RispondiElimina
  2. se ti dico che non li ho mai mangiati..scommetto che ti fai una risata...ma e' proprio cosi'..mi incuriososce parecchio questa preparazione..brava ad averla risporposta..bacioni e felice week end

    RispondiElimina
  3. - Per Ely.. me l'aspettavo e spero che ti piacciano!
    - ma Rosa: tu mi stupisci! Te li farò allora!

    RispondiElimina
  4. Mai provati...ma dopo averne letto in un libro con varie ricette non vedo l'ora di provarli!
    Ottima anche la tua!

    RispondiElimina
  5. Allora??!!!A che ora passo a prendere la mia dose???? :D i cardi li conosco, ma non queste tue frittelline!!!Grazie, baci

    RispondiElimina
  6. Ciao, lo conosco bene il cardo..noi ci facciamo la parmigiana!!!! e spesso anche queste deliziose frittelle!!! bacioni :)

    RispondiElimina
  7. Eccezzionale i cardi e stupenda questa ricetta!!

    baci

    RispondiElimina
  8. adoro i cardi, sono buonissimi. però le frittelle non le avevo mai fatte, da provare al più presto!

    RispondiElimina
  9. Sisisisisisisisisisisisi li conosco!!!
    Mamma li prepara in brodo il giorno di S. Stefano ^_^
    Bacioni tesora

    RispondiElimina
  10. non li ho mai mangiati, ma i carciofi mi piacciono, il sedano anche, delle fritelle non ne parliamo e quindi farò i cardi quanto prima!!!

    RispondiElimina
  11. ADORO, ADORO, ADORO il cardo! Persino solo bollito mi piace! Fiugurati bello infrittellato così... ha quel sapore di cuore di carciofo che.. mmmmmmmhh!!

    RispondiElimina
  12. Che buono il cardo!Nei flan, nelle quiches, con la bagna cauda, lesso e basta...ne ho giusto due in frigo, che aspettano un'ispirazione...mi sa che l'ho trovata! Che bello il tuo blog...ti ho "incontrato" qua e là nella blogosfera :) Sono felice di averti conosciuta!
    A presto
    Patrizia

    RispondiElimina
  13. Adoro i cardi ma non li ho mai fatti così: noi li preferiamo in pastella... uhm.... che buoni! Però anche la tua ricetta merita di essere provata, dev'essere buonissima!
    Baci

    RispondiElimina
  14. Ecco, i cardi non li conosco molto bene, sarebbe ora di approfondire..
    Ti volevo ringraziare per la ricetta del coniglio,così tante verdure stanno proprio bene!
    baci

    RispondiElimina
  15. Buoniii i cardi!!! Il li mangio fritti nella pastella....da svenimento!!! Belli anche così..io oggi le mangio uguali ma con i "calaceddi" :D
    Bacii tesoroo
    Laura

    RispondiElimina
  16. non ho mai cucinato i cardi, ma come spesso succede quando leggo di ricette di famiglia o regionali mi verrebbe volgia di uscire e andarli a comprare...ma sono le 23, meglio domattina! mi sono ormai fissata!

    RispondiElimina
  17. neanche io non ho mai assagiato i cardi,ma la tua ricetta mi incuriosisce,bisogna che gli provo!!
    p.s. ti va di partecipare al mio blog candy?
    http://dolcepassatempo.blogspot.com
    ciao

    RispondiElimina
  18. Buone, buone, passane qua un po'! Come? nOn sono avanzate? Mi sembrava... :-( Vorrà dire che dovrò prepararmele da me! :-D

    RispondiElimina
  19. parlare ne ho sentito tanto...ma in quanto
    a mangiarlo...non mi è mai capitato...anche
    perche'qui è difficile trovarli.... devono
    essere buonissimi!
    buona giornata
    Enza

    RispondiElimina
  20. Mi associo al coro del "mai mangiate!"...e quindi aggiungo anche il purtroppo :)))
    Il tuo post un buon reminder per una alternativa del tutto inedita per me ;P

    RispondiElimina

Grazie per aver letto fino a qui, qualora fossi uno spammer coreano, ti prego astieniti, non cliccherò sul tuo link, causa sfinimento..
Gli abbracci sono per tutti comunque :)