martedì 11 gennaio 2011

e la saga di Scalpo Ostinato continua…



























Mi sono ripresa, decisamente, ci voleva, mi sono tuffata tra le guanciotte delle mie figlie, ho respirato attraverso boccoli selvatici e treccine color dell’oro…. niente pc, sciopero in cucina, niente tv…. ahhhhhhhhhhhhhh…. mi sento meglio! Così sono pronta a raccontarvi degli ultimi colpi di scena, la riunione con i professori di Scalpo Ostinato… ragazzi il primo anno che lascio quella scuola senza versare neanche una lacrimuccia di vergogna… MIRACOLO!!! Vengo a sapere che il mio unico figlio maschio è inspiegabilmente diventato uno studente “quasi” modello…. come è successo? … le insegnanti mi dicono che “si vede che adesso è seguito…” “ha preso un insegnante per i dopo scuola signora?” Ma in realtà non è cambiato niente… forse è solo maturato… forse ha recepito finalmente un metodo…forse i miei sforzi non sono vani, mi dico, per farla breve esco dall’aula che a momenti tocco il tetto… salgo in macchina e finalmente mio figlio, l’amore mio, (che non aveva assistito al colloquio) mi chiede di raccontare ….e anche qui stupore… gli altri anni appena cominciavo l’elenco dei quattro mi chiedeva di accostarmi all’edicola perchè doveva comprarsi le figurine
si, della serie …chissenefregadeiquattrochenoia, quest’anno, invece, non appena dopo l’elenco dei sette, nomino il primo sei, ecco che quasi gli parte un embolo, “cosa!?”, mi viene quasi da ridere a vederlo arrabbiarsi per un sei! Arrivati a casa, si chiude in camera, nero, anzi, più nero che mai… bofonchiando un “non studio più”…
Durante queste vacanze, ho scoperto l’arcano, diario, quaderni e libri sono pieni di cuori trafitti con tanto di sangue gocciolante, e un’inconsueta iniziale troneggia al centro del cuore… voi che dite ha recepito il metodo? Segue quella poveretta di sua madre e s’impegna per darle soddisfazione? Oppure fa il pavone davanti alla più brava della classe che guarda caso è anche molto carina? Fatto sta che, a quest’età siamo ancora nella fase lontano dagli occhi-lontano dal cuore, e nel caso di Scalpo Ostinato a maggior ragione lontano dai libri…. Domenica doveva preparare una “produzione scritta” (non si dice più tema….antichi!) sulla "globalizzazione", e così mentre leggevo una serie di banalità infinite ecco che scalpetto mio scivola ancora in se stesso, e tra tutte le frasi scopiazzate qua e là, spicca il suo “sinonimo di globalizzazione”…. non indovinereste mai il sinonimo usato da mio figlio…. ve lo dico…. “DIVERSAMENTE ETNICI” … :D io c’ho riso impunemente mezz’ora… lo so che non avrei dovuto… non riuscivo a frenarmi… pubblico tutto questo dopo aver ottenuto la liberatoria da S.O., nell’istante in cui ho letto il suo tema l’ho avvisato che si era appena conquistato una menzione speciale! Adesso che la scuola è ricominciata aspetto nuovamente che si compia la metamorfosi, ah….il potere dell’amore!


Ricetta
Quella che vedete in foto è una quiche svuota frigo-freezer, tra i vari inconvenienti è anche successo di trovare il frigo con la spina staccata, fortuna vuole che la roba da cucinare non  fosse tanta e con un paio di queste torte sia riuscita a non buttare via niente.
Ingredienti:
  • 1 rotolo pasta sfoglia rotonda
    STAMPO PER CROSTATA DELLA GUARDINI
  • 1 confezione di punte d’asparagi surgelate
  • 100 gr. di prosciutto cotto tagliato a dadini
  • cacio fresco q.b (io l’avevo congelato per sbaglio… mmm… non chiedetemi come si possa sbagliare … ho congelato anche le chiavi della macchina se è per questo)
  • 1 tuorlo per spennellare
Bucherellate il fondo e i bordi della quiche con i rebbi di una forchetta, riempite con tocchetti di formaggio il fondo, poi le punte d’asparagi spezzettate e i dadini di prosciutto, spennellate i bordi con tuorlo d’uovo o con latte, in forno a 200° fino a che non vi sembrerà dorato al punto giusto.
Buon appetito e alla prossima :-*

20 commenti:

  1. Che bontà, hai visto che alla fine i figli danno soddisfazioni??? sono contenta, ciao.

    RispondiElimina
  2. tesoro mai perdere la speranza :-))) vedi che poi i miracoli succedono??? :-)))
    buona questa torta salata, cacio congelato? sei unica! baci Ely

    RispondiElimina
  3. Quanto mi siete mancati tu e S.O. ..... che romantico!!!!


    In ogni caso se ti può consolare una volta ho messo in freezer il mio quadernetto di ricette..... per fortuna poco dopo ho aperto per scongelare della carne macinata e l'ho tirato fuori..."ben conservato" :D baci, Flavia

    RispondiElimina
  4. tu donna di poca fede sei!!!ahahaha vedi come ti ha sorpreso Scalpo Ostinato? bada a non sottavalutarlo questo e' solo l'inizio...bacioni a te e alla tua troupe cara e complimenti per la quiche!!

    RispondiElimina
  5. Ahahahah Ginestrina il potere dell'amore è davvero immenso!E bravo S.O.!Ottima questa quiche ... e non ti preoccupare, io una volta ho messo in freezer la bottiglia dell'olio, un pacco di pasta (secca) e anche dello zucchero di canna!
    Un bacione

    RispondiElimina
  6. allora anch io non ci devo perdere le speranze per il mio ometto..?:)
    e una vera soddisfazione sentirsi dire ciò che desideriamo l'amore fa questo effetto...
    un abbraccio a te e al tuo ometto
    un abbraccio da lia

    RispondiElimina
  7. ciao Ginestrina,benrtitrovata!!complimenti per questa deliziosa quiche ma tantissimi di piu' per il tuo ometto che ti da queste belle soddisfazzioni che sicuramente te li meriti,avrai investito fino adesso !!un abbraccio!!

    RispondiElimina
  8. EVVIVA scapo ostinato! è mitico sto picciotto :D quanti anni ha? davvero una famigliola simpatica siete! ma come le racconti tu non lo fa nessuno ;) altro che Pulsatilla ;)) Ginny che dire? mi sono divertita a leggerti, mi piace 'na cifra sta quiche e vedrò di doppiarti glutenfree.
    bacioni :X

    RispondiElimina
  9. aaaah, che delizia questo post! ma S.O. dove l'ha tirato fuori "diversamente etnici"??? è gran-dio-so! un abbraccio grande

    RispondiElimina
  10. Che tenerezza il tuo bimbo che cresce..lasci un secondo una manina cicciottella e trovi un giovane con i suoi sentimenti forti, il senso di giustizia e la pigrizia adolescenziale, la capacità di indignarsi accanto al broncio infantile...E' un periodo faticoso e bellissimo!
    Un saluto affettuoso!
    (e questa quiche sembra proprio deliziosa!)

    RispondiElimina
  11. io scalpo ostinato lo adoro!
    continua a parlarcene, ti prego!

    RispondiElimina
  12. Tuo figlio e' un genio.
    "Diversamente etnico" e' una definizione da politico consumato!

    RispondiElimina
  13. ...quindi tu "sbirci" nei quaderni di S.O.?
    Kettepossino!!!!
    :))

    /Bella la tua Produzione Fornellesca

    :))

    RispondiElimina
  14. ottima ricetta, buon 2011 ciao

    RispondiElimina
  15. Fabiola: era ora! un bacio
    Ely: cacio e chiavi... :D
    Flavia: adesso che sono tornata S.O. ti terrà compagnia
    Scarlett: e che non lo so che è solo l'inizio! tremo al pensiero, un bacio anche a te :-*
    Meggy: meno male... non sono la sola a combinarne!
    Lia: Non perdere mai la speranza... se è migliorato figlio... può migliorare chiunque! :D
    un bacio
    NicoleC.: tesoro grazie, in effetti investo tante ore a stargli appresso!
    Sonia: il picciotto a breve compirà 13 anni... scusa la domanda ma chi è Pulsatilla?!! grazie sempre per i complimenti. Un bacio :-*
    CristinaB: ma sai che anche impegnandomi io a "diversamente etnici" non c'avrei mai pensato! Sono gli sforzi della sua mente "diversamente" abituata =))
    Patrizia: tenerezza si, ma anche una certa dose d'ansia, visto che una ne pensa e cento ne fa!
    Faticoso è senz'altro il termine esatto per definire questo periodo. Un abbraccio
    GaiaCeliaca: non temere, a volte evito di parlarne ma in realtà è una fonte inesauribile di materiale... sotto molteplici punti di vista ;)
    Araba: mi sa che appartiene alla categoria geni incompresi ;)
    Piero: e certo che sbircio, se l'occhio casca in quella baraonda infernale di fogli di carta che deposita stabilmente sulla scrivania, che devo riordinare gioco-forza se non vogliamo finire sommersi dalle "produzioni scritte" e dalle "produzioni lette" :D ... se è per questo mi sono iscritta a Facebook solo per poterlo seguire meglio... che dici sono troppo invadente? :-/
    Flavio: buon 2011 anche a te. Ciao :)

    RispondiElimina
  16. La ricetta svuota frigo non delude mai e lascia noi brave massaie contente ^_^ odio buttare il cibo: mi pare come se ad un pittore si chiedesse di buttare via i colori… gli strumenti di lavoro!
    Comunque ci tenevo a dirti che ho riso di gusto al tuo racconto e alla definizione del tuo ometto: diversamente etnici mi piace parecchi,

    RispondiElimina
  17. Dobbiamo dire che la "produzione" è riuscita bene, sia quella scritta che quella culinaria, complimenti ad entrambi.
    Baci!

    RispondiElimina
  18. Minghia, Gine, macari la scrivania gli ordini?!?!
    Mica starai "producendo" l'ennesimo maschio italico?!?! :(( Ti prego, dimmi di no....
    Baciuzz' :-*

    RispondiElimina
  19. digita Pulsatilla su Google e visita il suo blog....tu sei meglia....con la "a"
    baciuzzi siculi :X

    RispondiElimina
  20. Eh! Eh! Eh!
    E comunque le ricette svuotafrigo sono, per certi versi, delle meravigliose fonti di soddisfazione e sorpresa!
    E a questa foto gli darei... un "muzzicuni" con tutto il cuore!!!

    RispondiElimina

Grazie per aver letto fino a qui, qualora fossi uno spammer coreano, ti prego astieniti, non cliccherò sul tuo link, causa sfinimento..
Gli abbracci sono per tutti comunque :)