giovedì 7 aprile 2011

Di frutti di bosco e calzini spaiati

Adesso comincio pure a preoccuparmi, sono sicura d'aver messo in lavatrice una decina di coppie di calzini, blu, grigio antracite e neri.... credo ci fossero anche ben accoppiati sullo stendino, erano lì, si asciugavano al tepore del sole e poi... e poi ho perso il conto e nel cassetto sono andati a finire tanti calzini soli soletti, uno blu, uno nero, uno grigio chiaro corto, uno grigio scuro lungo..... e nonostante l'uomo del silenzio mi dia della "dissociata", mi etichetti come la smemorata di Collegno, il mio cervello continua a credere d'aver visto tante belle coppiette di calzini in lavatrice, ma l'emisfero cerebrale dx si rifiuta di parlare con il sx ragione per cui mi sa che continuerò ad essere "dissociata"!
Capita anche a voi? Dico, il mistero dei calzini spaiati è un film che va in onda solo a casa mia? Ditemi di no, vi prego! A dire il vero il problema non sono solo i calzini, il problema è che rimuovo, senza logica apparente, tanti piccoli momenti della giornata, che ahimè comprendono anche, nell'ordine, il momento in cui:
  • ripongo le chiavi della macchina al sicuro dai bambini (per poi dimenticare sistematicamente dove sono andate a finire)
  • prendo le chiavi di casa (e mi scordo in quale borsa o tasca sono)
  • metto lo zucchero nel caffè o il sale nell'acqua della pasta (ma l'ho messo?)
  • conservo gelosamente, in apposite carpette con tanto d'etichetta, documenti importanti, libretti di vaccinazione, codici fiscali e tessere elettorali (ma dove?)
Il culmine è stato raggiunto questa settimana, quando all'uscita di scuola di mio figlio, dopo aver aspettato invano per più di mezz'ora, dopo essermi fatta arrivare il cuore in gola e aver iniziato a girare come una disperata intorno all'isolato della scuola... realizzo all'improvviso che quel giorno Scalpo Ostinato sarebbe uscito soltanto dopo tre ore! Che dite è il caso di farmi visitare?
RICETTA per la DELIZIA AI FRUTTI DI BOSCO
Ho felicemente iniziato a provare una serie di prodotti piemontesi D.O.C., frutti di bosco di tutti i tipi, nocciole, mousse di moscato d'Asti, mousse di frutti di bosco, tutti prodotti di buona qualità, e fonte d'ispirazione continua nella mia cucina. Il mio proposito è quello di fornirvi delle idee, ispirarvi e spingervi a creare qualcosa di goloso anche nelle vostre cucine, se ci riuscirò mi riterrò soddisfatta! In Sicilia, se togliamo i gelsi e qualche mora selvatica sempre più rara, a parte che nella classica crostata di frutta e in qualche gelato, non ci danno molte idee sull'utilizzo dei frutti di bosco... sarà per questo che quando vedo in tavola questi rossi frutti mi sembra festa! Ecco che a questo proposito vi propongo una ricetta, leggermente modificata, che diverso tempo fa ho visto sul blog della mia amica Ale, una torta assolutamente da rifare e modificare secondo il nostro gusto come meglio crediamo garantendoci sempre la "porca figura", come direbbe lei. Questa torta è stata portata ad un vero picnic, con tanto di cestino, ed è stata fotografata da un fotografo d'eccezione, certo il fotografo s'è venduto in cambio del pranzetto, ma è un compromesso che si può accettare a cuor leggero :D
Ingredienti:
(per otto persone)

per il biscotto al pistacchio
100 g di pistacchi sgusciati (io 120gr.)
200 g di burro
100 g di farina
200 g. di zucchero
4 uova
1 cucchiaio di fiori d'arancio (non l'ho messo)

per la farcitura
350 g di lamponi (io ne avevo solo 150 g- e in mousse)
250 g di panna da montare
3 gr di colla di pesce
50 ml di sciroppo di rosa (non l'ho messa, ma ho usato sciroppo di lampone)
2 cucchiai di zucchero a velo
1 barattolo di mousse ai frutti di bosco 
1 vaschetta di fragoline di bosco
pistacchi sgusciati per decorare (facoltativi)
croccante di pistacchio per decorare (facoltativo)

Bagna
Ho preparato uno sciroppo ottenuto con Strega e acqua in parti uguali, in totale 250 ml di liquidi, a cui ho aggiunto zucchero (circa 3 cucchiai, non me lo ricordo di preciso perchè poi assaggio fino a che non è di mio gradimento) e una foglia d'alloro. Lasciate bollire 15 minuti per consentire all'alcool di evaporare.


Procedimento (riporto qui quasi integralmente la ricetta di Menù Turistico per vostra comodità)
preparate il biscotto: frullate i pistacchi con la metà dello zucchero, finchè il composto è ben omogeneo.
Accendete il forno a 150 gradi. Sbattete il burro morbido con il resto dello zucchero e, quando diventa spumoso, unite le uova ad uno ad uno, la farina, il composto di pistacchio e zucchero, sempre montando. Versate in uno stampo a cerniera imburrato del diametro di 24 cm e cuocete in forno per 45 minuti. Verficate la cottura infilando nel biscotto la lama di un coltello: deve uscirne pulita
Lasciate raffreddare prima di sformarlo. Una volta freddo, bagnatelo con lo sciroppo e Strega.
Sbattete la panna ben fredda; quando diventa soda, versate lo sciroppo di lampone (che io ho preso dalla confezione dei lamponi sciroppati) e lo zucchero a velo, sempre continuando a sbattere. Ammollate la colla di pesce in acqua fredda, quando si reidrata, mettetela in un pentolino con 30 ml di panna tolta dal totale, scaldata quasi a bollore, a questo punto mescolate bene, quando tutto è di nuovo liquido liquido, aggiungetelo alla panna montata e continuate a sbattere. Ricoprite la base, dapprima con la panna, livellate bene e tenete in frigo 15 minuti, poi tirate fuori e versate uno strato di mousse di frutti di bosco, a questo punto dovreste decorare con i lamponi, i miei, sciroppati, purtroppo sono arrivati tutti distrutti e di freschi non ne ho trovati, ecco il motivo per cui ho ripiegato sulle fragoline di bosco fresche che ci stavano divinamente comunque.
Nella ricetta proposta dalla Ale, è previsto l'uso di aromi fioriti, purtroppo al contrario di me, la mia famiglia non ama questi sapori di conseguenza non li ho usati, e c'avevo pure l'acqua di rose!
A presto!!

34 commenti:

  1. Ginestrina!!!!!!!! a quest'ora???? divina....una abbraccio.

    RispondiElimina
  2. uaoooooooooo a saperlo aiutavo il fotografo....ahahaha davvero molto golosa!!!!baci
    PS:i calzini restano un mistero ma non quelli del marito ma quelli dei bimbi..ma ho anche scoperto che spesso la mia lavatrice si intasa..magari sono quelli..

    RispondiElimina
  3. primo: questa storia dei calzini è un clichè, accade in tutte le case del modo, compresa la mia dannazione.
    secondo le chiavi, i documenti, e tutto il resto che racconti.... ecco io sono uguale, quindi capisco il tuo sconforto. Il bello è spiegarlo a maritofigli&co. ;))
    PS OTTIMA TORTA... ;))

    RispondiElimina
  4. tu mi vuoi ciccia e brufoli, vero? ACCETTO! purchè me ne mandi una fettona! Belle anche le foto...la composizione me gusta mucho!

    RispondiElimina
  5. Ero già passata poco fa, ma che spettacolo di torta!! e di foto!!

    Comunque....... beh i calzini non li facciamo sparire noi...sono loro che spariscono da soli!!!

    Quindi noi siamo ordinatissime....sono gli altri che pensano il contrario!!! Baci, Flavia

    RispondiElimina
  6. Per i calzini io ho risolto comprando il retino apposito... secondo me ne è ghiotta la lavatrice... Per il resto posso solo dirti: prendiamo un appuntamento insieme perché io dimentico tutto anzi tuttissimo!!! :/
    Per la torta, una meraviglia della natura, brava tu e loro! ;)

    RispondiElimina
  7. Il film dei calzini spaiati è stato girato anche a casa mia. E' un giallo ancora da risolvere!
    Il cheesecake invece è una favola, se l'avessi mangiato io sarebbe stata a lieto fine!

    RispondiElimina
  8. 8-} svalvolo per questa !!!!

    RispondiElimina
  9. Lo sai che Vinicio Caposella ha scritto una canzone che parla del paradiso dei calzini ?
    Io sono rintronata quindi se vuoi fondiamo un club..
    La torta é dasvenimento cromatico.....Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. mah... oramai io ne son certa:ogni casa ha il suo "buco nero"...piccolo,nascosto bene...ma ogni tanto risucchia qualcosa,siano i calzini spaiati o i cucchiaini da te....o quel diavolo di fermacapelli d'osso che amavo tanto e che mi è letteralmente svanito sotto al naso!!!!boh?...P.s.ma lo zucchero & co. ,quello non ci abbandona maiii!!!!;°)

    RispondiElimina
  11. sei hai tempo ti racconto, a parte i calzini che io li devo sempree ricomprare ma sono sicura che la mia lavatrice se li mangi, sono strasicura. Chiavi della macchina, ne abbiamo due paia, quella con la chiusura automatica mia e quella manuale del capitano, ebbene l'altro giorno per tutto il giorno ho usato quella manuale perchè non trovavo l'altra, ho svuotato, cappottato la borsa ma niente... poi esco dalla macchina oramai all'ora di cena e cosa ho in mano? quelle automatiche... senza sapere dove fossero quelle che avevo usato tutto il giorno e per'altro avevo tolto dalla macchina 5 minuti prima... io penso che ci siano dei fantasmi... :-))) torta fantasmagorica!!!! come fanno sempre a riuscirti questi capolavori! e chissà che buona! baciii

    RispondiElimina
  12. direi che hai fatto la tua porca figura!
    direi che la giudichessa si sentrirà prima lusingata e poi imbarazzata (non so bene in quale ordine)
    direi anche che Annalù e Fabio staranno gongolando
    direi, infine, che sto sbavando sul monitor....

    RispondiElimina
  13. Che ben di Dio!!! Bellissima questa torta!!

    RispondiElimina
  14. Noo va beeeee...bellissimaaa. Poi lo voglio anche il fotografoo!!! Le foto sono proprio belle...digli che può continuare su questa via. Ma sai che dovremmo farlo anche noi un bel picnick??? :D
    Baciottii,Laura

    RispondiElimina
  15. Ma perchè esistono calzini che non si spaiano? Davvero? Noooo, non ci credo!
    Io oggi mi sono tolta la fede per cucinare e poi l'ho persa e Lui si è arrabbiato moltissimo. Poi me l'ha ritrovata, giusto un attimo prima che, dopo aver cercato ovunque (tranne dove stava) mi accingessi a rafanare nella spazzatura (cosa che, peraltro, sarebbe risultata inutile).
    consolata?

    RispondiElimina
  16. Questa non è una torta... è un trionfo di colori e di golosità!!!
    La mia lavatrice deve essere anomala, perché non si mangia mai niente (magari, così avrei meno cose da stirare...) e anch'io credo di avere qualche sinapsi bizzarra nel cervello, perché invece so sempre perfettamente in quale angolo della borsa si trovano le chiavi:
    a) di casa
    b) dell'auto
    c) della bici
    d) di mia suocera
    già una che fa un elenco così in un post è un po' stranina, vero?
    ;-)

    RispondiElimina
  17. Il mistero del calzino... un film sempre in onda a casa mia! Davvero non so dove finiscano, un amico mi ha consigliato di metteli in lavatrice legati! :) quanto al dolce, ma soprattutto al biscotto al pistacchio sono senza parole! Troppo buono!!!!

    RispondiElimina
  18. Quella dei calzini è un classico, come quella di chiudere l'auto e non ricordarsi se lo si è fatto, ma potrei elencarti tantissime "dimenticanze" o "distrazioni" : la mia più bella è che quando Fabio ed io eravamo fidanzati gli ho comprato un calendario decorato del suo anno di nascita e poi l'ho nascosto per regalarglielo alla prima occasione...mi domando ancora dove io sia stata capace di nasconderlo...:-DDD
    Grazie per aver messo questa splendida torta nel nostro cestino ^_^
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  19. Ma è bellissima e sicuramente buonissima, e che foto!
    Bravissima!

    RispondiElimina
  20. innanzi tutto questa torta mi piace da impazzire!!! per i colori e per i sapori! è per un pic nic raffinato e leggermente snob , quindi mi piace ancora di più!! :-)))bravissima! per i temi "calzini&c" e "menti dissociate? parliamone..." propongo di organizzare degli incontri in cui fare outing e rallegrarci insieme constatando che siamo tutte nella stessa bagna!!! bacissimi

    RispondiElimina
  21. pistacchi e frutti di bosco, che accoppiata! la torta è splendida!!! per la memoria mi sa che non sei la sola...

    RispondiElimina
  22. Ciao Ginestra!! Grazie per partecipare al mio candy e grazie delle bellissime parole!!
    Lo sapevo, avevo ragione: il mio candy mi permetterà anche di conoscere nuovi e bellissimi blog, proprio come il tuo!!! Complimenti!!!
    Questo dolce è meravigliosooo!!
    Baci e a presto!!
    Franci

    RispondiElimina
  23. @Fabiola: ogni momento è buono per una fetta di torta! :D
    @Scarlett: vedi che è strano... quelle dei bimbi non le perdo mai....
    @Valentina: ho scritto dei calzini nel post proprio per sentirmi dire che non succede solo qui...dopo farò leggere al marito!
    @Fujiko: grazie, detto da te è il complimento vale doppio :D
    @Fla: ecco perchè ti voglio bene!!
    @Mirtilla grazie!
    @Cardamoma: ma non mi dire niente che ho perso pure il sacchetto!!!
    @Lu: ho scritto anche io al ministro e su fb.. e sto spargendo parola!
    @Dana: =))
    @Angela: :D
    @Simonetta: sul club, ci sto ancora pensando...è un'idea da non sottovalutare, una specie di gruppo di autoaiuto! :D
    @Dolcetè: ecco si, chiamiamolo buco nero! Toglimi lo zucchero è divento da ricovero coatto!
    @Eli: ma quasi quasi mi batti! =))
    @Stefy: sono solo una gran sadica... c'ho pensato ma poi conoscendo la Ale se ne uscirà con una battuta e mi stroncherà qualunque aspirazione d'arrivare al barattolo di cioccolato da 3 kg! sigh! ;;)
    @Miriam: grazie!!
    @Laura:siiiii, non so quando ma voglio farlo un bel picnic qui fuori!
    @Pamirilla: =)) ti rispondo che a casa mia si spaiano solo quelle degli uomini... ;)
    @Cristina: invidiaaaaaaaa ... ma come sai sempre dove si trova tutto?! Ma come si può! Donna io ti ammiro!
    @Chiara: sei un amore! :-*
    @Anna Luisa: mi sento consolata, il giorno che quel calendario verrà fuori pubblicherai un post? Ti prego... mi piacerebbe sapere dov'era andato a cacciarsi! :D
    @Gloria: grazie!! SEi sempre un tesoro!
    @LaRoby: sto pensando seriamente ad un gruppo di autoaiuto :D ... che la torta fosse un poco snob non mi sono accorta perchè l'ho mangiata esattamente come tutte le altre! :D
    @Acquolina: grazie mi sento lusingata!
    @FRancesca: grazie a te mia cara! baci :-*
    @

    RispondiElimina
  24. Una stragolosità... Ce ne vorrebbe una fettazza... Buon we, ciao.

    RispondiElimina
  25. Il mio dolce è venuto buono ma anche il tuo non è da meno. Sembra delizioso!

    RispondiElimina
  26. dunque, se essere smemorata ti porta a cotanta creatività gastronomica che ben venga!! la torta è un incanto e tu sei esattamente come milioni di altre mamme, casalinghe lavoratrici :D ps. a me addirittura sono spariti dei fantasmini nella lavatrice e tutt'ora è un mistero irrisolto ;) sarà che si chiamano fantasmini per questo :p bacioni cara e buon w.e. :X

    RispondiElimina
  27. Ciao, scusami ma sei riuscita a farmi fare 2 risate con la storia dei calzini e la tua momentanea scarsa memoria..Spero comunque che tutto si ripristini presto!!!
    Complimenti per questa torta, di certo buonissima!!!

    RispondiElimina
  28. Buonissima torta e spettacolare presentazione!!! Meno male che non sono la sola a dimenticarmi e a perdermi le cose!!! Mi riconsoli!!! Bellissime foto!! Buona settimana e un bacio...

    RispondiElimina
  29. Noooo!!!! Ma questa torta è la fine del mondo!!!!! 8-} Meravigliosa!!!!

    Sai che pure io pensavo di essere smemorata, e invece ho scoperto che non è così! L'arcano mistero mi è stato svelato in uno dei libri di Harry Potter (non ricordo più quale dei 7): il Signor Weasley infatti spiegava ai suoi figli e a Harry che qualche mago dispettoso fa degli incantesimi agli oggetti comuni, i quali rimpiccioliscono spontaneamente fino a diventare invisibili. Siccome però noi babbani neghiamo che esista la magia, diciamo che ci siamo scordati dove abbiamo riposto questo o quello.
    Ergo, se becco il mago che continua a gettare incantesimi sulle mie chiavi di casa, sul barattolo dello zucchero, sulle forbici da cucina, etc., se lo becco dicevo, gli faccio un... paiolo così!!!!! =))

    RispondiElimina
  30. mi vien voglia di mordere lo schermo...
    deliziosa...complimenti!!
    sapessi quel che combino io...meglio non dirlo!!

    bacini
    Enza

    RispondiElimina
  31. Per i calzini non ti preoccupare: quando provi a piegarli, ne manca sempre qualcuno all'appello. Per la torta invece è una vera delizia.

    RispondiElimina
  32. GIIIIII...ti cerco...scrivimi qui elifla69@gmail.com..mi serve il tuo indirizzo mail..urgenteeeeeeeeeeeeeee :D bacioni. Flavia

    RispondiElimina

Grazie per aver letto fino a qui, qualora fossi uno spammer coreano, ti prego astieniti, non cliccherò sul tuo link, causa sfinimento..
Gli abbracci sono per tutti comunque :)