lunedì 12 marzo 2012

La Sicilia in punta di forchetta...pasta con le sarde


Nino e Tano lavorano in silenzio, l'aria salmastra taglia le loro mani, la voce del mare li avvolge, riempie le loro orecchie e racconta ogni notte una storia.. Tano con gesti esperti tira su le reti... la barca si riempie di "argento vivo", Nino con lo sguardo perso sulla luce che riflettono i piccoli pesci pensa all'affitto da pagare e alle visita ortopedica imminente di sua figlia... Notte dopo notte, ore dopo ore, la fatica e il freddo pesano... il mare stanotte non lo consola... non ha voglia d'ascoltare le sue storie.
Turi e Anna, su in montagna sono all'opera, manca ancora un po' al sorgere del sole, bisogna raccogliere tutti i fiori di zafferano prima che la luce del mattino li faccia schiudere, lavorano con la schiena piegata in due, raccolgono i fiori uno ad uno con estrema delicatezza, per non rischiare di rovinare il loro prezioso contenuto. Nelle narici hanno l'odore della terra e dei fiori, non fanno caso alla bellezza che hanno intorno.
Mamma Angela, con un coltellino ha già raccolto il finocchietto selvatico, ne aspira il profumo e con un filo di spago in bocca lo divide, con mani esperte e veloci, in piccoli fasci da portare al mercato...
Tanto lavoro e tanta la fatica per per godere di una terra generosa, maltrattata, usurpata, bellissima, una terra che nasconde l'aspetto suo più bello tanto bene da far dimenticare, troppo spesso, che esiste!
Mi è stato chiesto di rappresentare la Sicilia, di scegliere un piatto che ne racchiudesse l'anima... ho pensato e ho scelto per voi, un piatto di pasta "povero" cucinato in tutta l'isola, un piatto che unisce il mare e la montagna, "ricco" di sapori e di profumi.
il finocchietto che cresce spontaneo a casa mia
La ricetta oggi la trovate su "Donne sul Web" insieme ad altri meravigliosi piatti regionali italiani, andate a vedere...

15 commenti:

  1. spettacolooooooooo!!! questo sì che è un post da incorniciare :)))

    RispondiElimina
  2. Ciao Ginestrina,
    la tua Sicilia piena di aromi e profumi in un post spettacolare. Grazie ancora,
    Simonetta

    RispondiElimina
  3. Concordo con Cristina b. questo sì che è un Post!!! (e nota la "p" maiuscola!)
    La foto dice tutto, è meravigliosa, hai proprio scelto il piatto giusto! :)
    baci

    RispondiElimina
  4. Mi fai emozionare. Ogni volta!

    RispondiElimina
  5. Un primo che ogni volta fa leccare i baffi alla mia cognatina friulana, che ormai cucina prettamente siciliano!

    RispondiElimina
  6. MMMMMIIIIHHHHHHIIIII che forchettata succulenta!!!! L'assaporo attraverso il video!!!

    ...e poi che bella l'immagine di Tano, Nino, Turi, Anna...

    ...che fimmina che sei, aahh ;)

    RispondiElimina
  7. A me non fanno impazzire le sarde, ma i tuoi racconti sì :)
    Che magia e sento anche l'odore (che nonostante tutto mi piace tantissimo) di quella pasta.
    A presto
    Gialla

    RispondiElimina
  8. Fantastica! Un primo che amo molto, come amo la tua terra dove vorrei tanto trasferirmi...:))
    Complimenti.
    Sabrina

    RispondiElimina
  9. Una delle mie paste preferite!! Un bacio!

    RispondiElimina
  10. un classico gustoso e intramontabile, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  11. ma sai che non ho mai mangiato la pasta con le sarde? devo rimediare... che vergogna!!!^^

    RispondiElimina
  12. Non sono mai stata nella tua bella Sicilia, aspetto il momento giusto, quando i bambini saranno un pò più grandi e con l'auto potremo visitarla senza troppi intoppi. A dire la verità la mia aspirazione più grande sarebbe quella di venire con un furgoncino vuoto e tornare a casa con il furgoncino pieno di tutti i vostri fantastici prodotti della terra. Tantissimo piacere di aver visitato il tuo blog. Io sono Emanuela di Chiacchire ai fornelli e tornerò a farti visita presto.

    RispondiElimina
  13. mi piace il tuo blog :) splendide ricette e ti seguo con piacere :) se ti va passa da me anche seprime armi :) ciao :) sono alle

    RispondiElimina
  14. un piatto che mangeresti tutti i giorni tanto è buono!!

    RispondiElimina

Grazie per aver letto fino a qui, qualora fossi uno spammer coreano, ti prego astieniti, non cliccherò sul tuo link, causa sfinimento..
Gli abbracci sono per tutti comunque :)