mercoledì 23 maggio 2012

budino di cipolle di Giarratana con marmellata di peperoncini e ginepro

Il 23 maggio di vent'anni fa, splendeva il sole, anzi spaccava le pietre, ero stata al mare con i miei amici del cuore, alcuni dei quali vedo ancora oggi, era stata una giornata meravigliosa, con tanto di grigliata di pesce e vini eccellenti a volontà... Nel pomeriggio contrariamente alle sue abitudini chiama mio padre, ero in casa di amici e mi stupii molto la telefonata... “pronto papà” - dico io - “hanno ammazzato Falcone”mi dice “u pigghianu.. c'ha ficinu” (l'hanno preso, ce l'hanno fatta!).. la voce sconfitta di mio papà me la ricordo ancora oggi... Non conoscevamo Falcone, mio padre me ne parlava ogni volta che poteva, per me era una specie di mito, un Orlando Furioso...una specie di Zorro che vedevo in TV. Rappresentava per me la voglia di riscatto della Sicilia, la speranza che forse un giorno...

Quando rientrata a casa ho visto in televisione le immagini terrificanti di Capaci ho pianto, ho pianto insieme agli agenti che vedevo piangere, ho pianto pensando a quei figli che non avrebbero visto tornare a casa i loro padri. Ho pianto perchè adesso che l'avevamo perso, chi ci avrebbe aiutato?
Stupidamente ho pensato che sarebbe finita così, come centinaia di altre volte era successo e invece ancora oggi sono qui e ancora una volta ne parlo. E parlarne è importante per tutti noi!
Apro e chiudo una piccola parentesi ma è da tempo che ci penso e ho voglia di condividere con voi il mio pensiero. Sento da troppo tempo parlare di “riduzione di stipendio dei parlamentari” come di un atto lodevole dei nostri deputati..ebbene vorrei capire chi ha deciso che un parlamentare debba guadagnare 12 o 13 volte di più di un agente della Squadra Catturandi di Palermo, perchè mentre molti dei nostri politici si permettono di prendere in giro chi non ha mai fatto una vacanza in barca, gli agenti della Polizia di Stato, devono fare colletta per mettere la benzina nelle volanti, comprare le cartucce delle loro stampanti..decidere quale dei loro figli avrà le scarpe nuove questo mese...Mi piacerebbe che, visto il ruolo di grandissima responsabilità, si considerassero i ruoli in maniera diametralmente opposta, mi piacerebbe che chi si occupa del nostro “benessere” ogni giorno possa almeno avere la sicurezza economica... Mi piacerebbe che si promulgasse un referendum che riduca lo stipendio dei parlamentari a quello degli insegnanti, dei netturbini, degli agenti di polizia, degli operatori socio assistenziali...e viceversa che tutte le figure fondamentali per una vita sana in un paese civile fossero adeguatamente retribuite..Qualcosa mi dice che in politica ci sarebbe meno affollamento!
RICETTA: (titolo lunghissimo ma questo vi tocca)
Budino salato di cipolle di Giarratana e zafferano
con marmellata di peperoncini rossi e crostini al sesamo
per 4 budini
Cuocete le cipolle con  l'olio, a fiamma dolce fino a che non siano completamente appassite, nel frattempo prendete i pistilli di zafferano, e frantumateli, con l'aiuto del manico di un coltello d'acciaio, tra due fogli di carta forno, io veramente ne ho usato uno solo chiuso a libro. Frullate adesso le cipolle con le uova e tutti gli altri ingredienti, aggiungete lo zafferano, mescolate bene. Preriscaldate il forno a 180°, versate il composto nei vostri stampi, io ho usato quelli in silicone che vedete qui, riempite una teglia capace con almeno due dita d'acqua, infilateci i vostri stampi e cuocete in forno per almeno 30 minuti. Dipende come sempre dai forni e in questo caso pure dagli stampi.
Marmellata di peperoncini rossi e bacche di ginepro
Tenete presente che la marmellata potreste anche trovarla in commercio, potreste sostituirla con qualche gelatina di vino etc... Tuttavia visto quant'è buona questa marmellata vi consiglio di provare a realizzarla a casa.
  • 300 g di peperoncini rossi piccanti
  • 150 g di zucchero
  • una manciata di bacche di ginepro
  • 1 cucchiaio colmo di pectina (la mia fatta in casa) che trovate in commercio con il nome di fruttapec.
La pectina è un gelificante naturale, semplicissimo da realizzare in casa, se vi interessa seguite questo link, altrimenti procedete così...
Lavate e pulite i peperoncini, frullateli insieme allo zucchero a cui avrete precedentemente mescolato un cucchiaio di pectina, aggiungete le bacche di ginepro e cuocete fino a quando il composto non risulterà denso. Fate la prova piattino, se versando un cucchiaino di composto in un piattino e mettendo in verticale il piattino, il composto fa fatica a scivolare allora è pronto. Versate in un barattolo pulito e sterilizzato la marmellata, chiudete e disponete il barattolo a testa in giù, (in questo modo otterrete una chiusura sottovuoto), per almeno 10 minuti, poi rigirate il barattolo e una volta raffreddato riponetelo al buio.
CROSTINI AL SESAMO
Niente di complicato ho fatto la pizza ieri sera, ho ritagliato visto che c'ero, dei dischetti tondi con un tagliapasta da 7 cm di diametro, li ho cotti insieme alla pizza, una volta sfornati li ho spennellati leggermente con un pochino di albume, li ho poi ricoperti di semi di sesamo e rimessi in forno fino a che il sesamo non si è dorato.
e adesso passiamo alla
Composizione del piatto
Sformate i vostri budini, aiutatevi con la lama di un coltello se necessario, (con gli stampi in silicone non è stato necessario), versate la marmellata sul budino e accompagnatela con i crostini che saranno indispensabili ad assorbire il bruciore del peperoncino :).
La prova assaggio sarà sorprendentemente piacevole :))

Con questa ricetta partecipo all'MTC di maggio, ringrazio la mia amica Francesca Acquolina per avermi aperto "la strada del budino salato" :D
e al contest di Fiordirosmarino

A presto.





20 commenti:

  1. sei fantastica......che bella presentazione!!!

    RispondiElimina
  2. CI ricordiamo tutti quel 23 maggio di venti anni fa... come poterlo dimenticare? E non se ne parla per parlarne, ma per cambiare... perché la loro vita sia si esempio per tutti noi ... soprattutto per i nostri politici...
    Il budino è fantastico ... quasi quanto te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un bacio Stefania e grazie per essere qui :)

      Elimina
  3. nessuno potrà ne dovrà mai dimenticare Falcone né Borsellino e ciò che hanno rappresentato....
    Grazie di questi bellissimi budini dal titolo lunghissimo :-) e dai sapori decisi e particolar, dalla scelta delle cipolle , all'uso dei pistilli di zafferano invece della polvere, alla preparazione personale della pectina: sei mitica!!!!Un abbraccio
    Dani

    RispondiElimina
  4. Spesso mi chiedo che Italia sarebbe oggi se fossero ancora vivi Falcone e Borsellino, senza trovare mai risposta purtroppo e quando sento i politici parlare di loro in queste occasioni mi dà quasi fastidio....e come se li uccidessero ancora una volta....
    I tuoi budini sono meravigliosi, i colori bellissimi...complimenti!

    RispondiElimina
  5. Belli da vedere e ottimo l'abbinamento. Una ricetta originale. Grazie

    RispondiElimina
  6. se pensi che in italia si potrà mai arrivare ad un referendum per decidere di abbassare le spese della politica a favore di chi la micca se la guadagna davvero, mi spiace dirti che vivi di illusioni!
    ai nostri politici manca l'onestà, manca l'interesse del nostro paese e vivono solo per tenere quella poltrona attaccata al sedere!
    passiamo al tuo budino buonissimo, vado a leggermi la ricetta della pectina fatta in casa perchè so che imparerò un qualcosa di grande!

    RispondiElimina
  7. come non condividere il tuo ricordo e le tue parole.
    E grazie a te per questa bellissima ricetta, il tocco piccante dà una marcia in più ai budini, mi piace molto!
    ciao
    Francesca

    RispondiElimina
  8. Sperare nel ravvedimento dei nostri governanti nonchè nella giusta retribuzione di chi mette la propria vita a servizio del bene comune... sta diventando un'utopia. Maio ci voglio ancora credere, almeno finchè vedrò una moltitudine di giovani che scendono in piazza contro la mafia, contro il male e, a dirla tutta, credo che i nostri politici debbano cominciare a pensar di rubar meno perchè troppo scontento spaventa me... ma dovrebbe spaventare loro.
    Il voto delle ultime elezioni è stato uno schiaffo in faccia ai partiti della *SOLITA GENTE* e questo dovrebbe far pensare. Al potere ci possono andare tutti... anche gli onesti... basta votarli.
    La ricetta è bellissima e ho tratto 2 insegnamenti: la ricetta per la marmellata di peperoncino che mi sembra una figata pazzesca e per la pectina naturale (EVVAI!) che, per una fanatica di marmellate come me è ... la manna!
    Buona domenica
    Nora

    RispondiElimina
  9. Ricetta bellissima, d'altronde ci troviamo sull'abbinamento cipolla-peperoncino :) baci

    RispondiElimina
  10. Una vera delizia questa ricetta...grazie per la tua partecipazione al mio contest!

    RispondiElimina

Grazie per aver letto fino a qui, qualora fossi uno spammer coreano, ti prego astieniti, non cliccherò sul tuo link, causa sfinimento..
Gli abbracci sono per tutti comunque :)