venerdì 9 novembre 2012

graffe o ciambelle, come le chiamate voi?

Ma quando in casa si ha il prototipo del latin lover che bisogna fare? Ditemelo vi prego!
Io sono sconvolta! Mio figlio ha solo quattordici anni e mi sa che non posso più portarmelo dietro nemmeno a prendere le bimbe a scuola... l'altro giorno mi ha accompagnata, le sorelline erano ad una festa in un famoso fast food, motivo per cui ha deciso di accompagnarmi, e così mentre lui inghiottiva in un solo boccone mezzo hamburger, io salutavo la mamma di un compagno delle bimbe e...cosa sentono le mie orecchie? Ha attaccato bottone proprio con lei con il più classico dei classici "Noi ci conosciamo, ci siamo già visti, hai un viso che non si dimentica..." Volevo morire! Ma si può?
E questa estate con la nostra "Cardamoma"? Dopo una serata di scambi di battute che neanche un quarantenne, dopo varie teorie su profumi e profumiere, lamentele da parte sua su come sia difficile parlare con una ragazza "veramente"...insomma al termine della serata saluta Stefania e non se ne viene fuori con "sto proprio bene con te, c'è sintonia"... e a me in macchina ha fatto una testa tanta su quanto gli piaccia la Cardamoma, che per inciso è madre di tre figli... ma lui dice che al cuore non si comanda!
Avete mai provato l'esperienza di girare in macchina con un ragazzo che, con il busto fuori dal finestrino, saluta tutte le ragazze che incrocia con "ciao bella!" (ma neanche a Ibiza!)...avete mai provato l'ebrezza di fermare la macchina giusto in tempo perchè lui ha già aperto lo sportello e fregandosene delle vostre urla di protesta sulla follia della cosa..si è già lanciato in corsa per raggiungere una sua amica intravista un nanosecondo nello specchietto retrovisore... AIUTATEMI!!
RICETTA:
Queste graffette sono facilissime, velocissime e incredibilmente buone, se avete la pazienza, la voglia e il tempo di far lievitare l'impasto due volte vi godrete un meraviglioso e dolcissimo momento.. se invece non avete tempo, voglia e pazienza friggetele subito saranno comunque buone, ve lo dico perchè la prima volta che le ho fatte ho provato a friggerle non appena l'impasto è raddoppiato, mentre l'ultima volta ho provato ha eseguire una doppia lievitazione con risultati esaltanti!
per circa 8-10 graffette

400 gr. di farina (io metà 0 e metà 00 - la zero è fondamentale)
100 gr di zucchero (anche 90)
100 gr di zucchero per la guarnizione
150 ml di acqua tiepida (circa)
2 cucchiai di olio e.v.o
buccia grattugiata di mezza arancia (o aroma arancia)
10 gr di lievito di birra fresco
sale un pizzico 
olio di arachidi per la frittura in olio profondo

Sciogliete il lievito in 50 ml di acqua tiepida a cui avrete aggiunto 1 cucchiaino di zucchero. Lasciate riposare 10 minuti, in questo modo il lievito sarà ben attivato. Poi versate nel boccale del bimby, del vostro robot o in una ciotola, la farina miscelata allo zucchero e alla buccia d'arancia grattugiata, versate il lievito, l'olio e l'acqua poco alla volta, cercate di dare acqua in base a quanta ne richiede la farina. Fate andare il bimby in modalità spiga, il robot in modalità impasto, o le mani con olio di gomiti :D Impastate energicamente, solo quando il lievito sarà stato interamente assorbito dalla farina aggiungete il sale. Impastate fino a quando l'impasto si staccherà dalle pareti del boccale, dal robot, dalla vostra ciotola o dalla spianatoia, lasciandola pulita.
Mettete al caldo, il vostro impasto e lasciate lievitare fino al raddoppio. Adesso oliatevi le mani, staccate delle piccole palline di impasto e procedete formando delle ciambelline, tenendo la palline tra le vostra mani bucatela con il pollice, lisciatela facendola roteare un pochino tra le vostre dita e deponetele su un vassoio ricoperto con carta forno. A questo punto potete aspettare che lievitino ancora una volta o friggerle subito.
Se volete un suggerimento da peccato di gola, provate a realizzare le graffe ripiene, allargate con le mani la vostra pallina dandole una forma leggermente rettangolare, versate all'interno un pochino di nutella, richiudete e formate con il salsicciotto ottenuto una ciambella che lascerete ancora riposare sulla carta forno. Oleatevi continuamente le mani mentre lavorate. Aspettate ancora un'altra oretta, poi friggete le ciambelline in olio profondo, rigiratele, una volta dorate bene da entrambi i lati, sgocciolate le graffette su carta assorbente, ripassate nello zucchero semolato e servite.
Note:
1) l'aroma dell'arancia è fondamentale, altre volte ho usato vaniglia e limone, stavolta con l'arancia grattugiata è stata tutta un'altra cosa, sono proprio le graffe del bar!
2) se vi stressate a realizzare il salsicciotto farcito, potete allargare la vostra pallina di impasto, schiaffargli sopra un cucchiaio di nutella e piegarla in due, dandole la classica forma a mezzaluna, imprimete bene le dita sui bordi per evitare che si aprano.
Spero che vi piacciano :)
Saluto una persona speciale, la Dottoressa Gabriella Amato e tutto il suo team di colleghi, assistenti, infermieri, collaboratori .. ho saputo che mi leggono e così mi sono imposta di trovare un motivo in più per scrivere qui, ci facciamo quattro chiacchiere e per pochi minuti pensiamo ad altro, ci mangiamo queste graffette, ci abbracciamo.. ricordatevi che svolgete un lavoro fondamentale per tutta la comunità e se troppo spesso sentiamo parlare solo male della nostra sanità, è importante ancora di più dare luce a chi invece lavora con amore per assistere chi soffre, chi vuole vivere e chi vuole morire... Dottoressa non molli, non molli mai!
Un bacio grandissimo!