martedì 14 gennaio 2014

Spezzatino al marsala, con mandorle, semi di senape nera e pane di patate

Amo le ricette "lunghe", i lievitati, gli stufati... mi piace cucinare e sentire quell'odorino per casa, mi trasmette un'idea di accoglienza e di famiglia.
La mia seconda ricetta del 2014 è  all'insegna della cucina tradizionale, fino al 28 Gennaio vedrete la rete invasa da spezzatini di ogni genere, come accade per ogni ricetta proposta dalla banda dell'"MTChallenge", seguiamo le linee guida delle vincitrici della scorsa edizione, le autrici del blog La cucina spontanea , la proposta mi piace, è un piatto che non preparo spesso, per cui non ho visto l'ora d'avere lo spezzatino tra le mani :)
Bando alle ciance, passiamo alla ricetta.

per lo spezzatino
500 g di corona di vitellone tagliata a tocchetti di massimo 3 cm.
300 ml di Marsala Superiore secco
1 arancia non trattata
100 g di mandorle (tipo Etneo, Ginestra's land)
50 g di uva passa
2 cucchiai di semi di senape nera
1/2 litro di brodo vegetale
2 coste di cuore di sedano
1 cipolla bianca piccola
1 porro
2 spicchi d'aglio
erbe aromatiche fresche secondo la stagione
100 g di farina di semola
olio e.v.o.
burro una noce
sale q.b.
Per prima cosa mettiamo i bocconcini di carne a marinare nel Marsala, aggiungiamo l'uvetta e qualche erbetta fresca, nel mio caso origano e timo (direttamente dalle mie piante), grattugiamo la buccia di un'arancia e lasciamo un paio di ore la carne ad insaporirsi. Trascorso questo tempo, asciughiamo ogni singolo pezzo di carne con l'aiuto di una pezza di lino, lasciando il liquido della marinata da parte. Infariniamo i bocconcini di vitello e saltiamoli a fiamma vivace nella padella con un pochino di olio mescolato a burro, prepariamo intanto un battuto di cipolla, porro e sedano in una casseruola, lasciamo cuocere a fiamma dolce insieme all'aglio che poi rimuoveremo. Aggiungiamo man mano i tocchetti di carne, poi le mandorle, poi il liquido di cottura e il brodo vegetale fino a coprire del tutto la carne, attenzione perchè potrebbe non essere necessario utilizzarlo tutto. Lasciamo cuocere per circa 3 ore, a fiamma bassissima, fino a quando il liquido di cottura non si è ristretto, formando un bel sugo denso. A questo punto aggiungete i semi di senape nera, lasciate insaporire ancora qualche minuto. La carne dovrà presentarsi tenera al palato oltreché saporita.
Le patate che di solito accompagnano lo spezzatino io le ho messe nel pane.
Per il pane di patate
500 g di farina 0+100 g semola rimacinata di grano duro 
1 patata lessa schiacciata 
20 gr di lievito di birra
2 cucchiaini di zucchero
15 gr strutto
2 cucchiai olio d'oliva
1 cucchiaio di sale
70 gr latte
250 ml di acqua
Sciogliete il lievito con lo zucchero e i 70 g di latte nel bimby, aspettate che schiumi (circa cinque minuti), poi unite tutti gli ingredienti e impastate in modalità spiga fino a quando l'impasto non risulti ben incordato, lasciando pulite le pareti del boccale. La quantità di acqua potrebbe variare in base a quanto ne assorbono le patate o la farina, ovviamente se l'impasto la richiede si aggiunge.
Lasciate lievitare 2 ore, poi riprendete l'impasto e formate due lunghi filoncini, che spennellerete d'olio e acqua, lasciate lievitare ancora 1 ora e mezza circa, dipende dalla temperatura che avete in casa.
Infornate a 200 gradi per 10 minuti e poi abbassate a 180 per altri 20 minuti circa.

N.B. Per la ricetta del pane, che ho preparato spesso, ringrazio Federica Simoni  di Federica in cucina :)
Servite lo spezzatino caldo, accompagnato da queste morbide fettine di pane.

Con questa ricetta partecipo all'MTC n.35  
Chi vuole un piatto di spezzatino?
Baci

7 commenti:

  1. Con il marsala? Mai assaggiato. Deve essere buono. Complimenti

    RispondiElimina
  2. Oh mamma, il marsala mi ha dato un colpo al cuore...questo spezzatino ti assomiglia, ha i tuoi profumi, un colore che ricorda l'oro brunato di certe pietre della tua terra...che spettacolo. Questa è una sfida magnifica: solo leggere la lista degli ingredienti presenti in ogni ricetta, è come viaggiare. Bravissima.

    RispondiElimina
  3. l'abbinamento marsala e senape e'grandioso!!

    RispondiElimina
  4. e pure a me è venuto un colpo al cuore, quando ho letto che le patate, invece che nello spezzatino le hai messe nel pane... mancano le verdure, per essere in concorso....E che uno spezzatino così, vada fuori concorso, è roba che non sta nè in cielo nè in terra... te potessino, Sandra... te potessino ;-)

    RispondiElimina
  5. Mi posso accodare a quanto detto da Alessandra?!Ma una verdur non ci poteva andare anche per sbaglio nel pentolone?!
    L'idea mi piace proprio tanto, non è che ce la riproporresti con qualche aggiuntina strategica?! :))
    un bacio
    Chiara

    RispondiElimina
  6. Da svenire.... soprattutto a quest'ora: fagociterei il monitor intero!
    Brava, brava, brava!

    RispondiElimina
  7. aleeeeeeeeeeee ma che combini...ha ragione alessandra una ricetta così mannaggia...cmq il pane alle patate mai sentito, e ti dirò che a prepararlo è davvero veloce, quindi aspettati una raffica di domande molto presto. Per il resto il marsala nello spezzatino permettimelo di dire è la morte sua, squisita ricetta, grande interpretazione.
    Ti voglio bene ale

    RispondiElimina

Grazie per aver letto fino a qui, qualora fossi uno spammer coreano, ti prego astieniti, non cliccherò sul tuo link, causa sfinimento..
Gli abbracci sono per tutti comunque :)