martedì 11 febbraio 2014

Farciti con il sole - biscotti al mandarino

Adoro i mandarini, il loro profumo è irresistibile per me, per quanto mi riguarda è il frutto che più rappresenta la mia amata Sicilia, ha il colore del sole, la freschezza del mare e quel pizzico di aspro che sembra dirti "Non è forse così anche la vita?" Un'alternanza di dolce e amaro?"..
Oggi vi propongo dei biscotti facilissimi, buonissimi e VELOCISSIMI!!

Ingredienti:

  • 450 g di farina 00
  • 50 g di farina di mandorle
  • 200 g di zucchero
  • 200 g di burro morbido
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • un barattolo di marmellata di mandarini (la mia fatta in casa)
  • 2 tuorli
  • 50 ml di mandarinetto (io rosolio di mandarini homemade)
  • zucchero a velo per guarnire
  • una teglia rettangolare
Procedimento
Mescolare insieme tutti gli ingredienti, formare un salsicciotto, distendere il salsicciotto sulla teglia rivestita di carta forno, lasciare in freezer mezz'ora. Tirare fuori dal freezer, spianare il salsicciotto sulla teglia, fino ad uno spessore di 1/2 cm, versare la marmellata sulla frolla, quasi tutto il barattolo, spalmare bene, poi ripiegare la frolla su se stessa, a libro e infornare a 180° per circa 25 minuti, fino a doratura.
Una volta cotta la frolla ripiena sfornare, lasciare raffreddare completamente e poi tagliare in rettangoli lunghi più o meno 5-6 cm. Guarnire con zucchero a velo, il giorno dopo sono strepitosi, fidatevi!
Oggi vado di corsa, un abbraccio collettivo :)

24 commenti:

  1. Ho appena fatto la marmellata di mandarini, occorre che mi metta all'opera, questi dolcini sono meravigliosiiiiiiiiiiiiiiiii! Un saluto affettuoso
    M.G.

    RispondiElimina
  2. Carissima, li devo provare assolutamente. Ho della marmellata di Kumquat homemade.
    Ti farò sapere. Complimenti per il tuo blog. Saluti e buona giornata Anna

    RispondiElimina
  3. Sono sempre Anna. Il tuo rosolio come lo fai? Si può fare anche con le arance o i Kumquat? Grazie e baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Anna, puoi tranquillamente utilizzare le arance o il kumquat. Il mio rosolio lo ottengo lasciando macerare nell'alcool puro le bucce, per almeno 15 giorni. Poi preparo uno sciroppo con 800g di zucchero e 1 litro d'acqua. Porto a bollore l'acqua senza mai mescolare lo zucchero, quando quest'ultimo è totalmente sciolto spengo e aggiungo l'alcool (in cui macerano le bucce) filtrato. Lascio raffreddare completamente e poi imbottiglio.

      Elimina
    2. Grazie! Sei gentilissima e bravissima. Anna

      Elimina
    3. Ciao,
      potresti indicarmi il peso delle bucce di mandarino?
      Gli ultimi frutti che ho sull'albero all'interno sono molto asciutti però potrei sfruttare gli olii essenziali delle bucce grazie alla ricetta del tuo rosolio.
      Con gratitudine,
      Viola

      Elimina
    4. Ciao Viola, non mi prendere per matta ma non le ho mai pesate, di solito procedo togliendo dalla bottiglia di alcool, circa un bicchiere di liquido (uso il bicchiere della nutella così conservo l'alcool puro chiudendolo con il tappo), infilo le bucce dei miei mandarini dal collo della bottiglia, pazientemente, fino a quando l'alcool non raggiunge di nuovo il collo della bottiglia, poi mi fermo. Se i mandarini sono di una dimensione normale ce ne vorranno 8 circa. Spero di essermi spiegata in maniera umana.. così non fosse chiedi pure. Ale

      Elimina
    5. Ti sei spiegata benissimo ma la mia inesperienza mi porta a farti altre domande:
      La bottiglia di alcool è quella da 1 litro?
      Alle bucce raschi la parte interna bianca oppure le lasci così come sono?
      Ho approfittato della tua disponibilità?

      Buona Domenica Ale
      e grazie in anticipo!

      Elimina
    6. Ciao Viola, scusa le mie imprecisioni, si, la bottiglia di alcool è quella da un litro. Per quanto riguarda le bucce, io non raschio la parte bianca, ma questo penso dipenda dalla qualità dei mandarini. I miei hanno un frutto molto polposo e la buccia sottile, soda, con pochissimo mesocarpo (la parte bianca appunto), non mi hanno mai dato il problema che lamentano in tanti, cioè il retrogusto amaro, e questo sia con le marmellate che con il rosolio. Quindi io lascio il mesocarpo attaccato alla buccia. Visto, poi, che i frutti di marzo nella mia regione sono dolcissimi, li congelo, tagliati a metà e privati dei semi, in estate danno vita a freschissimi sorbetti, creme profumatissime, gelati e quanto ti suggerisce la fantasia :) Ti abbraccio

      Elimina
    7. Che meraviglia!
      Ancora grazie Ale...sei una guida preziosa!

      Elimina
  4. La tua Sicilia è talmente intensa, meravigliosa, profumata che viverla è davvero un privilegio.
    Ne ho ricordi meravigliosi, legati ad un annetto trascorso a Mondello, peccato fossi piccola e tenuta un pochetto al guinzaglio!
    Sono sicura che questi dolci abbiano il sapore della tua terra e della tua passione, affascinante!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Fabiana, vivere in Sicilia è tutta un'altra storia, nel bene e nel male.
      Grazie!

      Elimina
  5. che deliziosi biscotti, mi segno la ricetta e appena trovo i mandarini giusti ci provo !

    RispondiElimina
  6. Sono daccordo il mandarino ha un profumo inebriante e rappresenta bene la nostra bella Isola,mi piace tanto la tua preparazione da provare,complimenti.
    Z&C

    RispondiElimina
  7. che bell'aspetto che hanno questi deliziosi biscotti!!

    RispondiElimina
  8. Mi mancano tantissimo i mandarini profumatissimi.
    E questi biscotti sembrano buonissimi

    RispondiElimina

Grazie per aver letto fino a qui, qualora fossi uno spammer coreano, ti prego astieniti, non cliccherò sul tuo link, causa sfinimento..
Gli abbracci sono per tutti comunque :)