lunedì 9 marzo 2015

l'albo dei tritura-palle, ci avete mai pensato?

Tempo fa su facebook, ho semplicemente osservato che se mai esistesse un albo dedicato ai rompipalle, senza dubbio alcuno, quei grandissimi professionisti dei miei figli sarebbero tutti iscritti ad honorem, perche'?
Ma i vostri stanno a fare due ore di polemiche perchè "in questa casa non si cucina mai niente di buono" o_O  Ce ne fosse uno che avesse gli stessi gusti dell'altro poi, e si, mangiano la cipolla, e si, mangiano il guanciale..ma se ti azzardi a fare una carbonara noooo, la carbonara non la mangiano... E il pesto, buono, ma solo quello fatto da nonna, così me tapina, ho chiesto alla nonna in questione il pesto, ho preparato la pasta e ..ovviamente l'accoglienza è stata uguale...perchè come fa la pasta con il pesto la nonna, nessuno mai... La cosa che mi fa più imbestialire, è quel classico atteggiamento da "non sono capace, lo fai tu?", "mi dai l'acqua?", "mi allacci le scarpe?" E per intenderci sotto i 7 anni in casa mia non c'è nessuno!

Vogliamo passare all'adolescente? Dopo anni di trituramento sferico, "perchè abitiamo in culonia (scusate il francesismo) e che colpa ho io che non ci sono autobus...mamma-accompagnami-dai", cambiamo casa, la fermata dell'autobus è a 50 metri dal portone, è giunta finalmente l'ora che vada a scuola da solo :D ebbene, non se ne esce con "ma vuoi scherzare? Mi devo alzare alle sei e un quarto? Che cosa?" Ho spiegato all'adolescente che l'autobus è una cosa e il taxi un'altra..ma il trauma è stato troppo forte, per prima cosa se ne è andato di casa tre giorni, al grido di "non esiste, non me l'accollo!" Dopo varie trattative telefoniche alla fine si è convinto, è rientrato, e adesso prende l'autobus per andare a scuola, arriva con 30 minuti di anticipo, che dedica alla sua sempre intensa vita sociale, ha scoperto il mondo dei ragazzi che arrivano presto, ma, siccome è un trituratore professionista, come vi dico, continua a lamentarsi a giorni alterni..in sostanza lui va a scuola per farmi un favore..
Non sia mai, ti vedano concentrata a far qualcosa che loro non reputino profondamente noioso, hanno tutti da dirti qualcosa di urgente, importantissimo, fondamentale... in pratica l'unico sistema per stare tranquilla è quello di mettermi a stirare!
Voi che mi dite? Ci pensate? Esistesse davvero un albo, di quelli seri, di quelli che scelgono il professionista dell'anno... che bellezza, vuoi mettere il piacere di far recapitare una bella targhetta,"sig. Marco Taldeitali, dottore in trituramento prolungato di palle". Ma per i miei figli pretendo il premio rompipalle dell'anno sia chiaro.
Vi dirò, sapete che su facebook ho aperto senza volere una seduta di "genitori anonimi - sopravvivenza e reinserimento", dai ragazzi che insieme ce la faremo ;)
Muffins salati con salmone e mirtilli rossi
Quella di oggi è una ricetta base per muffins salati, alla quale potrete aggiungere il ripieno che preferite.
Un muffin è una piccola torta, simile nell'aspetto e nella consistenza al plum cake, originariamente erano realizzati con i rimasugli di altri impasti lievitati e non, a cui veniva aggiunta della patata schiacciata, e si friggevano. Si racconta che la prima volta il termine "moofin" sia comparso in Inghilterra agli inizi del 1700, c'è chi invece fa risalire i muffin al termine tedesco muffen, cioè piccole torte... ma bando alle ciance, gli ingredienti
Ingredienti per 12 muffins
300 g di farina 0
2 uova medie
1 cucchiaino di bicarbonato
50 ml di olio di girasole
100 ml di latte
un pizzico di sale
50 g di parmigiano
100 g di salmone affumicato
50 g di mirtilli rossi disidratati
Quello che conta è che i nostri muffins siano buoni, la lavorazione è semplice, basta dividere le polveri della ricetta dagli ingredienti umidi. Quindi mescolate molto bene tra di loro tutte le polveri, farina, bicarbonato, parmigiano, sale, e poi amalgamate bene, uova, latte e olio, adesso mescolate brevemente le polveri al composto di uova, l'impasto si dovrà presentare grumoso, va bene così, vedrete come poi rimarrà morbido.
A questo punto, versate nei vostri pirottini due cucchiai di impasto, mettete al centro un pezzetto di salmone (o quello che volete) qualche mirtillo disidratato, e versate ancora un altro cucchiaio colmo di impasto. Ripetete l'operazione con gli altri pirottini. Infornate a 180° per almeno 25 minuti, e come al solito dipende dal forno. Sfornate, fate raffreddare e guarnite con una piccolo ricciolo di salmone ogni muffin.
Come sempre sono a disposizione per ogni chiarimento.
Un bacione e alla prossima :*


3 commenti:

  1. il tuo post mi fa morire.. io convivo con 3, anzi 4 se contiamo anche il marito, triturapalle DOC, sembrano davvero dei neolaureati, talmente sono competenti in materia! ;;) un po' mi consola vedere che non sono l'unica ad avere questi sentimenti, coraggio cara, sono sicura che sopravvivremo!

    RispondiElimina
  2. Come mi fai ridere te, non lo fa nessuno! anche qui da me sono tutti specializzati in trituramento palle, dalla piccola di 18 mesi all'omo di 36 anni, passando attraverso il grande di 7 anni. Che scassamento di balle, non se ne può più! e ancora non ho l'adolescente... arriveranno tempi peggiori

    RispondiElimina
  3. i miei hanno cominciato ora :D mi iscrivo subito? :D

    RispondiElimina

Grazie per aver letto fino a qui, qualora fossi uno spammer coreano, ti prego astieniti, non cliccherò sul tuo link, causa sfinimento..
Gli abbracci sono per tutti comunque :)